5 buoni motivi per non smettere di bere caffè

Bere molti caffè al giorno fa male. Molti medici sostengono questa teoria e diversi studi scientifici confermano gli effetti negativi che elevate quantità di caffeina nel sangue possono portare.
Ma ridurre le quantità di caffè, non significa eliminarlo del tutto dalla nostra alimentazione.
Oggi, infatti, vi fornirò 5 buone ragioni per non smettere di bere il caffè!

Previene i dolori muscolari

Bere una tazzina di caffè prima di un’attività sportiva consente di prevenire i dolori post-allenamento. A dimostrarlo è uno studio condotto dall’Università della Georgia che ha rilevato che dosi moderate di caffeina possono ridurre il dolore muscolare di circa il 50%.

Migliora la memoria

Una nuova ricerca nel campo dell’Alzheimer avrebbe dimostrato che la caffeina presente nel caffè ha un effetto positivo sui processi di memoria e di pensiero.
In pratica la caffeina consentirebbe una riduzione dei livelli di una proteina implicata nello sviluppo di questa malattia.

Facilita la regolarità intestinale

Bere una tazzina di caffè caldo, in quanto bevanda liquida, può aiutare a rimanere idratati e a prevenire la stitichezza.
Inoltre il caffè è di per sé un potente stimolante che favorisce le contrazioni muscolari nel tratto intestinale.

Previene le malattie

Molti studi hanno dimostrato che gli antiossidanti presenti nel caffè possono contribuire a ridurre il rischio di diabete, malattie cardiache, alcuni tipi di cancro, calcoli biliari, e il Parkinson.

Aumenta la resistenza fisica

Bere una tazzina di caffè prima di affrontare una gara o una competizione aumenterebbe la resistenza fisica, migliorando le performance.

Non dobbiamo dimenticare però che il caffè non non è una bevanda miracolosa. Bere più di due tazzine di caffè al giorno può contribuire ad avere la pressione alta, problemi nel sonno, mal di testa, e problemi digestivi.

Bere caffè va bene ma con la giusta moderazione.

di Eliana Avolio