A dieta coi formaggi!

I Formaggi di solito sono la prima cosa che viene eliminata dall’alimentazione quando si segue una dieta ipocalorica in quanto contengono moltissime calorie ed una grande percentuale di grassi. Basta pensare che un pezzo di 30 grammi di formaggio può includere anche più di 100 calorie e 10 grammi di grasso.

Ma perché eliminare totalmente i formaggi dalla propria dieta quando basterebbe imparare a conoscerli e a limitarne le quantità? O meglio ancora perché non prediligere i formaggi magri potendone mangiare un po’ di più?

Sono tantissimi, infatti, i cosiddetti formaggi magri, alternative interessanti al formaggio classico, valido aiuto per non ingrassare e fornire all’organismo il giusto apporto quotidiano di calcio.
Ma come capire se un formaggio è magro o meno? La cosa più importante è leggere correttamente l’etichetta e capire se il contenuto totale di grassi è inferiore al 20% al totale del peso.

I miei consigli

ricotta
ricotta

Primo fra tutti, che io consiglio vivamente ai miei pazienti e a tutte voi, è la ricotta: solo 140 calorie per 100 grammi ed appena 8 grammi di grasso. Io la trovo gustosissima!

formaggio feta
formaggio feta

Altro formaggio leggero che è possibile mangiare in quantità maggiori è la feta: 265 calorie per 100 grammi e solo 21 grammi di grassi.

mozzarella
mozzarella

Se vuoi aumentare le quantità perché 100 grammi non ti bastano, la mozzarella light potrebbe essere una soluzione: zero grassi e sole 140 calorie per 100 grammi.
Mi vergogno solo di averla proposta perché da buona napoletana se proprio devi mangiare la mozzarella, che sia almeno quella di bufala: fai l’errore una volta, ma lo fai come si deve!

fiordilatte
fiordilatte

Un’alternativa forse più gustosa è il fior di latte: con 250 calorie ogni 100 grammi.

crescenza
crescenza

Il philadelfia, il certosino, la crescenza e il primo sale rientrano sempre entro le 270 calorie per 100 grammi.

tofu
tofu

Se ti piace il tofu anche quello può essere un valido alleato nella lotta ai chili di troppo: 99 calorie per 100 grammi.

provolone
provolone

Da evitare invece: mozzarella, caciotta stagionata, caciocavallo, provolone… insomma tutti gli altri!

Aldilà di tutto, se sei a dieta oppure no, ricorda sempre che il formaggio è un alimento ad elevato valore nutritivo poiché contiene, in forma concentrata, la maggior parte dei nutrienti presenti nel latte (abbondante presenza di proteine, calcio, fosforo, vitamina A e riboflavina) e per questo motivo non andrebbe eliminato dall’alimentazione, eccetto se ci sono delle allergie o delle intolleranze conclamate.
Allo stesso modo non ci si può comunque dimenticare del suo notevole contenuto in grassi saturi e dell’elevato apporto calorico. Questi ultimi due elementi, uniti insieme, hanno una notevole azione “ingrassante” ed anche ipercolesterolemizzante… quindi occhio alle quantità! In un’alimentazione equilibrata i formaggi vanno inseriti una volta alla settimana, in casi eccezionali due.

di Eliana Avolio