Ascelle colorate: per dire basta ai canoni di bellezza standard

Ascelle colorate: per dire basta ai canoni di bellezza standard
Ascelle colorate: per dire basta ai canoni di bellezza standard

La depilazione ascellare in questi ultimi anni sta diventando argomento di punta per i progetti femminili volti all’auto-affermazione e soprattutto per la rivendicazione del diritto ad essere tutte diverse ma tutte ugualmente belle.

Avevamo in passato già visto il progetto Natural Beauty del fotografo Ben Hopper il quale si concentrata su un punto ben preciso “Il contrasto tra la moda della bellezza femminile e l’aspetto crudo, non convenzionale dei peli delle donne. Per quasi un secolo l’industria della bellezza ci ha fatto il lavaggio del cervello incoraggiando la rimozione dei peli.”

A supporto di questa affermazione, in questi giorni stiamo assistendo ad un altro fenomeno, un’altra protesta contro i canoni di bellezza standard che coinvolge ancora una volta le donne e la depilazione, in questo caso però non è solo l’astinenza da ceretta o da una qualsiasi forma di depilazione ascellare, in aggiunta alla folta crescita c’è anche la colorazione: questa nuova moda, che sta spopolando sui social e nello specifico su Instagram, spinge le donne a far cresce i peli delle ascelle per poi colorarli nelle tonalità più disparate.

Stiamo parlando del #dyedpits.

Ascelle colorate: per dire basta ai canoni di bellezza standard
Ascelle colorate: per dire basta ai canoni di bellezza standard

Ascelle colorate: per dire basta ai canoni di bellezza standard
Ascelle colorate: per dire basta ai canoni di bellezza standard

Potete dire addio ai rasoi, agli strappi infernali della ceretta bollente o alle creme depilatorie, i peli non sono e non dovranno essere più un problema. Molte star avevano aderito all’iniziativa, da Madonna a Beyoncé passando per Drew Barrymore, questa volta però così il trand viene rilanciando aggiungendo un tocco punk rock.

Sarà la nuova moda dell’anno 2015?

di Alessia Mariani