Caviar e sequin manicure: le conosci?

Dopo aver spopolato in Gran Bretagna, la Caviar manicure è arrivata anche qui da noi in Italia colpendo con un effetto 3D che ha conquistato tutte le fashion victim.
Il nome “Caviar” si ispira alle uova di caviale, riproposte come trend attraverso microperle colorate per una nail art di grande effetto: che si tratti di perle luminescenti, brillantini e pailletes, non importa, basta che diano un effetto finale prezioso!

topdonna.it
topdonna.it

L’ispirazione dietro il Caviar Manicure è nata da Charlotte, direttore creativo Ciaté, che ha voluto creare un effetto a 3 dimensioni femminile e delicatamente stravagante.
I prodotti Ciaté puoi trovarli da Sephora, il kit costa 20 euro, ma sinceramente, visto il procedimento, puoi realizzarlo anche da sola risparmiando qualcosina: ti servirà solo uno smalto, delle perline colorate o tono su tono e un top coat.

Come si applica la Caviar Manicure?

donna.fanpage.it
donna.fanpage.it

1- Dopo aver applicato una base trasparente sull’unghia, puoi stendere la prima passata dello smalto scelto e lasci asciugare;
2- successivamente effettua la seconda passata di smalto, ma stavolta senza lasciar asciugare: immergi delicatamente l’unghia nelle perline (messe in un contenitore) oppure, se preferisci, puoi versarle direttamente sull’unghia, compattandole ed eliminando con uno stuzzicadenti gli eccessi intorno ai bordi;
3- infine applica il top coat soltanto sulla punta e sui bordi laterali dell’unghia.
Le perline dovranno asciugare per almeno 15 minuti, e saranno rimovibili con un comune solvente.

Per capire meglio il procedimento guarda questo video:

Negli USA è in uscita la Sequin manicure

Il procedimento è simile, se non identico a quello della Caviar Manicure, l’unica differenza è rappresentata dai brillanti e da pailletes colorate, che rendono l’effetto finale ancora più elegante. 
Ciatè ha creato tre kit differenti: “Harlequin”, che racchiude pailletes blu, rosse e verdi; “Superduper”, in oro, verde e rame e “Tutu kit” in rosso, rosa e viola. 

di Eliana Avolio