Ecco la rivoluzione dei capelli: la FUE!

Chi ha detto che l’autotrapianto è un intervento chirurgico che viene effettuato soltanto dagli uomini?
Anche le donne ricorrono sempre più di frequente a questa tecnica sia per coprire un diradamento, ovvero zone in cui è visibile il cuoio capelluto, sia per infoltire i capelli, ottenendo un risultato naturale e omogeneo.

In passato la tecnica che veniva maggiormente utilizzata era la strip: durante questo intervento viene prelevata una vera e propria striscia di pelle dalla zona donatrice della testa con un microscopio stereoscopico studiato a tale scopo e le unità follicolari presenti vengono successivamente impiantate nella zona ricevente.
Uno dei lati più sconveniente di tale intervento è rappresentato dalla cicatrice, anche piuttosto evidente, che la persona si ritroverà al risveglio nella sua zona occipitale.

tecnica strip con evidente cicatrice nella zona occipitale
tecnica strip con evidente cicatrice nella zona occipitale

A tutto c'è rimedio…

Ad oggi questa nuova tecnica di autotrapianto rappresenta una svolta perché è possibile ovviare al disagio della cicatrice e ottenere un risultato il più naturale possibile.
Questo intervento chirurgico è stato ad oggi quasi del tutto sostituito dalla FUE, che consiste nell’estrazione di singole unità follicolari dalla zona donatrice, ovvero la zona occipitale e temporale, verso una zona ricevente diradata o glabra.

tecnica FUE
tecnica FUE

Ti spiego nello specifico in cosa consiste: si determina una finestra di espianto che viene rasata circa a 1 mm e attraverso un microbisturi circolare, detto panch, vengono prelevate le unità follicolari una ad una per poi essere impiantate con una particolare siringa completa di molla e mandrino nella zona di interesse.
L’intervento dura all’incirca quattro-cinque ore, il paziente viene sedato e naturalmente sottoposto ad una anestesia locale.
Il risultato dell’impianto sarà caratterizzato dalla presenza di piccole crosticine di sangue che cadranno nei giorni successivi all’intervento.

tecnica FUE
tecnica FUE

Ti stai chiedendo perché i follicoli vengono prelevati nella zona occipitale e temporale? Perché non sono soggetti all’azione ormonale e quindi non sono interessati dalla caduta. Ciò vuol dire che la tecnica di autotrapianto determina una situazione di copertura più stabile possibile.

L'autotrapianto da solo non basta!

È fondamentale associare all’intervento un trattamento specifico e mirato per riparare eventuali alterazioni a carico delle unità follicolari e stimolare al contempo la ricrescita e il potenziamento non solo dei nuovi capelli trapiantati ma di tutta la massa capillare.

E tu cosa ne pensi? Ti sottoporresti ad un intervento per avere una chioma più folta e piacerti di più?

di Eliana Avolio