I 5 errori make up da non fare MAI

Quante volte, in compagnia delle tue amiche, hai detto “Ma come si è conciata quella?”
Io, personalmente, tante.
Perché, ahimè, il make up è una favolosa arma a doppio taglio: può renderci bellissime ma anche molto simili a dei clown.
Cosa accade? Parlo dei classici e più ricorrenti errori nel campo del trucco..
Ecco quindi una guida semplice su come evitarli e soprattutto imparare la giusta procedura.

Primo errore: il distacco fra collo e viso

Quante volte hai visto un colorito super abbronzato sul viso e un collo completamente bianco?
Un errore comune di chi pensa che sia il giusto modo per essere abbronzate tutto l’anno.
Niente di più sbagliato.
I metodi per far apparire la pelle più ambrata esistono (presente il contouring?) ma bisogna assolutamente evitare di acquistare un fondotinta più scuro (e, se lo avete preso per sbaglio, tienilo da mixare con la giusta tonalità per l’estate).
Come risolvere tutto ciò? Quando acquisti il fondotinta chiedi aiuto ad una commessa o al make up artist del negozio: una volta applicato (principalmente sull’osso della mandibola, stendendolo verso il collo e, un pizzico, anche sul polso), esci dal negozio e guardati in uno specchietto.
Il motivo di tutto ciò è semplice: la luce naturale è la tua migliore alleata e ti farà capire se la tua scelta è giusta.
E, cosa non da poco, sarebbe il caso di farti accompagnare da un’amica (sincera!) per avere un ulteriore parere.

Secondo errore: matita per labbra di un colore diverso dal rossetto

A mio parere, questo, è un classico errore che, nel 2013 è diventato inammissibile.
Applicare la matita labbra di 5 tonalità più scure del rossetto dovrebbe essere considerato un reato.
Oltre ad invecchiare notevolmente il tuo look, è anche antiestetico.
Ricordati, quindi, di applicare sempre la matita e di sfumarla bene verso l’interno e poi, successivamente, di applicare il rossetto.
Io, solitamente, stendo il prodotto su tutte le labbra così da permettere di avere una durata più lunga del rossetto, ma non è fondamentale.

Labbra perfette - Foto Flickr by cobalt123
Labbra perfette – Foto Flickr by cobalt123

Terzo errore: il rossetto sui denti

Applicare il rossetto rosso sulle labbra è un procedimento lungo e meticoloso ma, una volta terminata l’opera, è davvero qualcosa di sensazionale.
Sei tutta infighettata, capelli perfetti e vestito aderente che ti sta a pennello (dopo aver mangiato porzioni quasi inesistenti per settimane) e arriva lui. In quel momento sorridi e non sei consapevole di avere i denti simili ad un vampiro.
Cosa fare? Semplice. Quando hai finito di applicare il rossetto metti una velina in mezzo alle labbra e poi, come tocco finale, metti un dito in bocca (fino all’altezza delle nocche) e poi stringi le labbra attorno ad esso.
Togliendolo delicatamente avrai eliminato qualsiasi traccia di rossetto troppo interna.

Quarto errore: terra non sfumata e/o blush abbondante.

Ricordi quando, poco fa, ti parlavo dell’effetto clown?
È quello che capita spesso quando il blush è concentrato e abbondante sulle gote.
Qualcosa di inguardabile.
Questo capita perché si preleva il prodotto abbondantemente con il pennello e lo si applica direttamente sulla pelle.
No, no e no!
Appoggia il pennello, batti il manico sulla mano per togliere gli eccessi e inizia sfumando il prodotto verso l’orecchio.
Meglio iniziare con poco e andare ad aumentare d’intensità piuttosto che assomigliare a Candy Candy.
Stessa cosa per il bronzer: preleva poco prodotto e datti il tempo per sfumarlo adeguatamente così da evitare le linee nette, vedrai che risultato!

Quinto errore: le ciglia finte

Ho sempre sognato di avere delle ciglia come le modelle della pubblicità.
Ma, da quando sono dentro a questo mondo, ho scoperto che era tutta un’illusione e che non esistono così in natura ma che, naturalmente, si possono avere con un bel paio di ciglia finte.
Peccato che, per renderle più naturali possibili, sia necessario avere un po’ di dimestichezza.
Ecco perché ti consiglio di provare qualche volta a casa da sola: vedere ciglia applicate male o staccate per metà è qualcosa di orribile e, ti prego, non farlo mai!

di Alessandra Nido