Il blue: la nuova tendenza per i tuoi capelli

Capelli lunghi, medi o corti non ha importanza, ciò che conta è che siano colorati di azzurro, turchese, lavanda e blu puffo: la chioma blu è tornata prepotentemente sulla scena.
Molte sono le attrici che hanno lanciato questa moda: Katy Perry l’ha sfoggiata per qualche periodo, Kelly Osbourne ne prova tutte le sfumature, Gwen Stefani ci è cascata agli inizi della carriera così come Demi Lovato e Lady Gaga.
Questo divertente “colpo di testa” non è più una prerogativa delle teenager, adesso la tentazione di avere almeno qualche ciocca colorata colpisce un po’ tutte.
Se il tuo scopo è quello di provare l’ebbrezza temporanea di una chioma variopinta, senza danneggiare i capelli con prodotti chimici, ti consiglio di utilizzare i gessetti colorati, seguendo questo semplice tutorial.
Se invece vuoi osare con una tinta blue permanente, la prima cosa da sapere è che sarà necessario decolorare i capelli.

Primo step: la decolorazione

È la parte più delicata: prima sciogli lo schiarente in acqua ossigenata e poi stendi il composto ottenuto sui capelli, lasciandolo in posa per diversi minuti.
Il volume dell’acqua ossigenata così come il tempo di posa dipendono dal tuo colore naturale: se la tua tinta è scura dovrai usare l’acqua ossigenata a volumi più alti e per una durata di tempo maggiore e comunque non superiore ai 20 minuti.
I prodotti chimici che utilizzerai sono molto aggressivi, e c’è il rischio di bruciare i capelli, o comunque di sfibrarli e indebolirli, per questo motivo ti consiglio di rivolgerti sempre e comunque a un professionista che saprà guidarti nel migliore dei modi o, se proprio non resisti all’home-made, opta per la colorazione di alcune ciocche, distribuite sulla testa come delle meches.
Le possibilità sono molte: si va dalle ciocche larghe sulle zone più in vista, fino alle colorazioni più modeste che prevedono delle zone di punti luce blu, oppure si possono colorare solo le punte con la tecnica ombre hair.

Secondo step: la colorazione

Il passo successivo è l’applicazione del colore, che andrà steso con l’aiuto di un pettine a denti stretti, per ottenere un risultato uniforme. Lascia in posa per 30-40 minuti, poi risciacqua con abbondante acqua tiepida. Se in alcuni punti il colore non ha preso bene, puoi procedere con una seconda applicazione.


La tinta durerà circa due settimane, ma è bene sapere che la tintura blu è anche molto difficile da gestire e non solo da applicare perché, come tutte le colorazioni, scolorisce col passare del tempo e il blu, come il viola, tende a diventare verdognolo e poi biondo spento.
Sappi quindi che, se hai intenzione di fare questa follia, potresti ben presto pentirtene.

di Eliana Avolio