Il makeup di Tal Peleg: opere d'arte sugli occhi

Creazioni di Tal Peleg
Creazioni di Tal Peleg

Il make-up è una forma d’arte. Io l’ho sempre pensato e adesso ne ho la certezza.
A dimostrarlo è Tal Peleg, truccatrice israeliana, che un bel giorno ha deciso di trasformare i propri occhi in quadri d’autore.
Le palpebre diventano delle vere e propri tele, sulle quali la make-up artist dà libero sfogo alla sua immaginazione e al suo talento: è così che prendono forma splendidi dipinti.
I temi sono i più vari: gatti neri, anatroccoli e cigni, ma anche ricami e personaggi provenienti dal mondo delle fiabe, come “la principessa sul pisello”, “la bella addormentata” e molte altre.

Creazioni di Tal Peleg
Creazioni di Tal Peleg
Creazioni di Tal Peleg
Creazioni di Tal Peleg

Questa fantastica artista usa ombretti dai mille colori, eyeliner e pennelli con punte finissime per dar vita alle sue creazioni, che si possono estendere dalle sopracciglia fin sotto agli zigomi. La sua è un’arte viva che descrive le sensazioni e le emozioni che chi trucca sta provando in un determinato momento.
Peccato però che a differenza dei quadri queste creazioni vadano necessariamente cancellate prima di poterne realizzare di nuove. Per renderle eterne l’estrosa truccatrice ha pensato quindi di fotografarle, per poi struccarsi e ricominciare a creare.

Creazioni di Tal Peleg
Creazioni di Tal Peleg

Tra le sue ultime trovate, colpisce quella di rendere l’occhio un piatto per il sushi. Rispetto ad altri soggetti scelti dall’artista questo può essere considerato quello più banale, ma non meno realistico. Il succulento sushi è adagiato sulla palpebra e segue naturalmente la forma dell’occhio.

Creazioni di Tal Peleg
Creazioni di Tal Peleg

È chiaro che queste rappresentazioni possono risultare sicuramente estreme e, allo stesso tempo, estrose. Uscire di casa con un gatto nero sugli occhi o una principessa delle fiabe è molto coraggioso e, proprio per questo, difficilmente attuabile.
Ma in occasioni particolari, come quella del Carnevale ormai alle porte o, perché no, Halloween, potrebbe essere un’idea valida per stupire amici e parenti.

di Eliana Avolio