Il potere dei semi

Articolo scritto da Autora del blog AurorainDublin.

I semi oleosi, racchiudono un notevole insieme di principi attivi, e poichè sono ricchi di fibre e proteine, sono particolarmente indicati per chi segue diete vegetariane e svolge attività fisica.

In particolare, parliamo di 4 tipi di semi oleosi, che hanno, come base energica, i grassi essenziali, particolarmente importanti per lo sviluppo ed il mantenimento del sistema nervoso e delle strutture cutanee.
I semi di girasole , lino, sesamo e zucca, sono poco conosciuti ed utilizzati in cucina: solitamente, richiedono un particolare trattamento per essere gustati e apprezzati in tavola.

Semi di girasole

I semi di girasole, sono, tra i semi oleosi, quelli meno calorici. Essi contengono vitamine del gruppo B, e vitamina E, la quale svolge un’ azione antiossidante, proteggendo le nostre cellule dal processo di invecchiamento.
Ottima fonte di magnesio e ferro: contengono, inoltre, numerosi oligoelementi, come il cobalto, lo zinco ed il rame.

I semi di girasole garantiscono un buon funzionamento dell’ intestino e recentemente sono stati riconosciuti per le loro proprietà antitumorali e indicati per la prevenzione di malattie cardiovascolari e arterosclerosi.

Come utilizzarli in cucina e dove trovarli

Possono essere aggiunti all’ impasto di farina per arricchire pane e prodotti da forno, oppure aggiunti ad insalate e ad altre verdure. Potete tostarli in una padella, prima di aggiungerli ai piatti, oppure, consumarli al naturale, insieme ad altri cereali, per la prima colazione.

I semi di girasole di maggior qualità provengono da agricoltura biologica: possono essere facilmente reperiti nei negozio di prodotti naturali, erboristerie, oppure, online.

Semi di lino

Vengono chiamati “semi della salute” per le loro proprietà curative.
Contengono numerosi elementi nutritivi, inoltre, l’ elevato contenuto minerale, in essi presente, conferisce, a questi semi, proprietà emollienti e protettive, per cui sono molto utili per combattere infiammazioni interne o esterne, a livello epidermico.
I semi di lino, contengono un’alta percentuale di Omega 3, particolarmente utile al funzionamento dell’apparato digerente e all’apparato cardiovascolare.
Oltre agli Omega 3, contengono, sali minerali preziosi, come il magnesio, fosforo e il rame.
I semi di lino sono spesso associati alla cura dei nostri capelli: nel commercio, esistono infatti, numerosi prodotti per i capelli, a base di semi di lino, che, appunto, proteggono e nutrono, il nostro capello.

Come utilizzarli in cucina e dove trovarli
Il seme di lino, essendo, insapore, non possiede particolari qualità culinarie. Può essere però aggiunto alle insalate, al pane o alla miscela dei cereali per la prima colazione. Possono essere reperiti in qualsiasi erboristeria o negozio di prodotti biologici.
Inoltre, potete acquistarli online e in tutti i supermercati che hanno una sezione dedicata ai prodotti biologici.

Semi di sesamo

Diffusi come aromatizzanti nella cucina meridionale, i semi di sesamo, sono considerati, dagli orientali, dei stimolanti, che aiutano il sistema nervoso e li raccomandano nelle convalescenze e nei periodi di maggior impegno mentale.

Esistono due tipologie di semi di sesamo: semi di sesamo nero e semi di sesamo bianco. I semi bianchi sono più facilmente reperibili rispetto a quelli neri: entrambi contengono più o meno le stesse proprietà nutritive.

I semi di sesamo rappresentano delle fonti vegetali di calcio; lo zinco è presente in quantità sufficiente per proteggere il nostro organismo dalle infezioni.

Grazie alla presenza del fosforo, magnesio e potassio, il sesamo puo’ essere integrato nella dieta dei bambini, aiutandoli nella crescita. Recentemente, sono state attribuite a questi semi, proprietà anticancro: sembrerebbe infatti che l’acido fitico, contenente in essi, inibirebbe, lo sviluppo del cancro al colon.

Come utilizzarli in cucina e dove trovarli
Gli usi culinari sono simili agli altri semi. Possono essere aggiunti per condire insalate e verdure.

Fate attenzione a tostarli troppo o rischierete che si formi un gusto amarognolo sgradevole. I semi di sesamo si trovano facilmente nei supermercati, ma se volete acquistare semi di maggiore qualità rivolgetevi alle erboristerie e ai negozi di prodotti biologici.

Semi di zucca

Sono riconosciuti, particolarmente nella tradizione popolare, per le loro proprietà vermifughe.

Ricchi di fosforo, zinco e selenio, i semi di zucca sono anche molto ricchi di magnesio, che contribuisce a dare al nostro organismo una sensazione di calma e di relax.

Insieme a legumi, come i ceci, fagioli e lenticchie, possono essere cosiderati come una fonte vegetale di ferro; un’assunzione costante di questi semi può apportare benefici sul tono muscolare della vescica favorendo la prevenzione dei disturbi legati all’ingrossamento della prostata.

Come utilizzarli in cucina e dove trovarli
Gli usi culinari sono simili agli altri semi.
Ideali for snack da gustare al naturale, ma anche essiccati, tostati o cotti al forno.

Si possono acquistare freschi, nei negozi di alimentazione naturale, nelle erboristerie e online.

di Redazione