2011/06/29/maclogo

Logo
Logo

Ogni singolo negozio, bar e ristorante godevano di una temperatura ambiente pari a 28°-30° gradi, tale da rendere attraente persino il negozietto di souvenir di calamite e di cappellini con la scritta “I love Nice”.
Girovagando per le stradine, la mia attenzione è stata rapita dal negozio di cosmetici della casa produttrice Mac. Li conosci?

Pigmenti della Mac
Pigmenti della Mac

Personalmente, seguendo molto i tutorial di trucco in giro sul web, sapevo che molte ragazze con la mia stessa passione, addirittura make up artist professioniste, consigliano i trucchi della Mac per la loro qualità e tenuta. Prima di allora però, non li avevo mai provati.

Il negozietto (davvero piccolino!) aveva le pareti occupate da miliardi di prodotti: ombretti dalle mille gradazioni di colore, da quelli matti, a quelli perlati, fard, cipria, terra e fondotinta. Una parte era dedicata soltanto ai pennelli, ognuno specifico per il prodotto da applicare… i mascara, le matite, le diverse nuance di rossetti. Avete presente il paese dei balocchi?
Presa da tutto quell’incanto, un po’ per colpa del francese studiato male alle superiori, un po’ per l’estrema gentilezza (ad oggi direi più capacità commerciale!) della commessa, mi sono lasciata trascinare nell’acquisto.
Ed è stato proprio al momento del conto, che mi è venuto in mente la nota dolente di questi prodotti… il prezzo!

Set di fondotinta, cipria e pennelli
Set di fondotinta, cipria e pennelli

Un fondotinta, una cipria, un fard, tre ombretti (bedge per la base, marrone perlato per la palpebra mobile e marrone scuro per il contrasto), due pennelli (uno per stendere il fondotinta, uno per la cipria) alla modica cifra di 230 euro.
Dovevi vedere la mia faccia. Bianco è il colore più giusto per descriverla.

Nonostante la perdita momentanea dei sensi però, mi trovo d’accordo con chi consiglia questi prodotti (il rapporto qualità-prezzo ci sta tutto), ma non posso non considerare il costo, che essendo troppo alto, rende l’acquisto accessibile solo a pochi eletti e questo è davvero un peccato.

Continua a leggere

Trucco che passione!

Continua a leggere

L'elisir di Cleopatra: il latte d'asina

Iscriviti al feed beauty