Pennelli per fondotinta: quale utilizzi?

Non esiste il pennello perfetto, ma il pennello più adatto alle tue necessità. Ecco perché oggi ti aiuterò nella ricerca del pennello per il fondotinta, indispensabile per ottenere una base trucco omogenea e naturale.
Per prima cosa devi tener presente che i pennelli differiscono per dimensioni, forma e tipo di setole, ma soprattutto si distinguono in base al tipo di fondotinta che ritieni più adatto al tuo tipo di pelle.

Se utilizzi un fondotinta in polvere o compatto

Ti consiglio il classico pennello kabuki: le setole morbide e non troppo fitte consentono al fondotinta di penetrare all’interno del pennello distribuendosi tra le setole.
Mi raccomando di sbattere sempre il pennello per evitare che l’eccesso di prodotto, presente in superficie, ti crei quelle odiose chiazze di colore più concentrate sul viso. Io per farlo utilizzo il dorso della mano: un paio di colpetti e passa tutto! A questo punto potrai distribuire il fondotinta su tutto il viso eseguendo movimenti circolari.
Non esagerare con le dosi, sempre meglio iniziare con poco prodotto ed eventualmente aggiungere, che eccedere e dover rimediare.

pennello kabuki
pennello kabuki

Se utilizzi un fondotinta in crema o fluido

Ti consiglio diversi modelli. Li ho provati praticamente tutti, anche perché utilizzo solo fondotinta fluidi che per il mio tipo di pelle (iper secca!), sono praticamente perfetti.
All’inizio ho provato le spugnette, si sposano molto bene con i fondotinta fluidi, l’importante è che le bagni sempre prima dell’utilizzo altrimenti assorbono il prodotto lasciandone piccole quantità sulla pelle. Se utilizzi le spugnette tampona il prodotto su tutto il viso, senza stenderlo, così da ottenere un risultato migliore.
Poi sono passata al pennello a lingua di gatto, che puoi trovare nella forma piatta o in quella tonda, io ho usato quella tonda (che si adatta meglio per i fondotinta fluidi, mentre quella piatta per i fondotinta in crema) e mi sono trovata bene, anche se dopo aver provato il modello bicolore, che presenta setole sintetiche e setole naturali, non riesco più a tornare indietro. Da quando lo utilizzo il fondotinta si stende molto più facilmente, in modo leggero e il risultato è più naturale, proprio come lo desidero.
Però se devi coprire alcune imperfezioni e brufoletti e preferisci un effetto più coprente, ti consiglio il modello a lingua di gatto, per un effetto più naturale senza dubbio quello bicolor.

Quindi una volta individuato il fondotinta giusto ti basterà scegliere il pennello più adatto ad applicarlo e il risultato sarà ottimale.
Tu quale pennello utilizzi?

di Eliana Avolio