Punti neri: come eliminarli con il bicarbonato

Il bicarbonato di sodio, seccando lievemente la pelle, contribuisce ad eliminare il sebo in eccesso, causa principale dei punti neri, oltre ovviamente ad avere proprietà anti-infiammatorie e e antisettiche.

Quando il bicarbonato si mescola con l’acqua, si forma una pasta fina e grumosa ideale per detergere il viso e come esfoliante naturale per questo, vi propongono 3 trattamenti per la pelle a base di bicarbonato.

Punti neri: come eliminarli con il bicarbonato
Punti neri: come eliminarli con il bicarbonato

Punti neri: trattamento localizzato

Alcune persone preferiscono lasciare agire l’impacco durante la notte, ma quest’azione seccherebbe tantissimo la pelle, rischiando di dover poi correre ai ripari, il mio consiglio è di non farlo!

Maschera facciale

1. Mescolare 2 cucchiaini di bicarbonato con 2 cucchiai di acqua per formare una pasta cremosa, è possibile aggiungere anche qualche goccia di succo di limone. Quest’ultimo grazie all’acido citrico incrementa l’azione esfoliante e combatte l’eccesso di sebo tipico delle pelli grasse.

2. Inumidire il viso con acqua tiepida e applicare l’impasto cremoso su tutto il viso, stando lontane ovviamente dal contorno occhi. Massaggiare delicatamente il viso per alcuni minuti con movimenti circolari senza fare troppa pressione.

3. risciacquare il viso con l’acqua tiepida aiutandovi eventualmente con un panno di cotone.

4. applicare una buona dose di crema idratante a fine trattamento.

Punti neri: come eliminarli con il bicarbonato
Punti neri: come eliminarli con il bicarbonato

Trattamento per il corpo

1. Riepire la vasca di acqua tiepida e versare mezza tazza (circa 100/150 gr) di bicarbonato. Con la mano mescolate l’acqua con la polvere fino a farla sciogliere completamente

2. Immergetevi nella vasca per almeno 15/20 minuti. Il bicarbonato di sodio contribuirà alla prevenzione dell’insorgenza di punti neri disinfettando e levigando la vostra pelle.

Se avete la pelle sensibile e facilmente irritabile, è consigliabile fare un test su una piccola porzione di pelle prima di procedere con i trattamenti completi, per capire quale potrebbe essere la reazione epidermica.

di Alessia Mariani