In punta di piedi…

 

Non c’è niente da fare. Le donne amano le scarpe. Una passione travolgente, spesso sconsiderata che porta a fare follie pur di riuscire a conquistare l’oggetto del desiderio. Almeno fino a quando lo sguardo si poserà sul prossimo paio…

Mentre gli uomini non riescono a raccapezzarsi all’idea, restando perplessi, stupiti e storditi di fronte a scarpiere stracolme di ogni colore e foggia, la risposta da parte nostra resta sempre la stessa: non ne abbiamo abbastanza. C’è chi non può fare a meno dei tacchi vertiginosi e chi non riesce proprio a salire su quei trampoli, prediligendo ogni tipo di ultraflat o sneackers. Le collezioniste o pseudo tali sono tante e forse in fondo lo siamo un po’ tutte.

Cambiano le stagioni, si alternano le forme di punte e tacchi… eppure separarsi da compagne di mille avventure è sempre traumatico. Ora è tempo di rispolverare qualcosa che non vedevamo da un po’. Dopo anni di bon ton, plateau, zeppe,  donne tremate le punte sono tornate!

Mentre qualcuna storce il naso mentre legge, gridando al demodè, qualcun’altra penserà “che novità!”. Tutto questo perché la moda è fatta di riscoperte e riesumazioni, chi ha la fortuna di riuscire a conservare, dopo qualche anno potrà ritrovarsi con dei tesori tra le mani invidiabili.

La scarpa con la punta a punta ha il pregio di donare una particolare allure di femminilità ad ogni passo unica nel suo genere. Forse perché risulta facile associarle alle leggiadre ballerine che danzano appunto sulle punte, a cui si deve l’invenzione, in particolare a Maria Taglioni che per prima interpretò il balletto “la Sylfide”, rinforzando le sue scarpette per mantenere più a lungo gli aplombs per simboleggiare delicatezza e leggerezza. Nei secoli poi, la punta è stata abbinata a tacchi dalle altezze più svariate, dalla ballerina, passando per le mezze altezze e poi sù fino ai vertici massimi.

Questa primavera estate vedrà come protagonista assoluta la décolleté, il classico per eccellenza, da sempre rivisitato attraverso materiali e costruzioni, da indossare in ogni occasione, adatto ad ogni stile. Proprio per questo potrà assumere ogni tipo di “vestito” tra tessuti stampati fantasia, pizzo, vernice, suede, pelle o multimateriale, potrà essere declinato nelle tonalità pastello o in quelle più classiche del bianco, nero e crema, oppure lo troveremo arricchito di applicazioni come fiocchi, borchie, fibbie e chi più ne ha…

Per affrontare giornate no stop e non sbagliare mai, scegliete il mezzo tacco, perché si adatta facilmente ad ogni tipo di abbigliamento, dalla corsa in ufficio fino alle serate sorseggiando il vostro drink durante un happy hour.

di Ylenia