Pien Up!

Quale donna almeno una volta non si é sentita  “pien up”?

Eh eh partiamo dagli esordi….
Il termine  pin  adesso é il famoso codice di riconoscimento il Personal Identification Number ma fortunatamente é anche stato la radice di una parola anglosassone che racchiude il concetto di bomba sexy!
Letteralmente “pin-up”significa “da appendere”, e in realtà le foto di queste ragazze venivano appese negli armadietti dei soldati impegnati sul fronte americano, durante la seconda guerra mondiale. Evidentemente ispiravano!
Ve le ricordate ? Procaci e sorridenti fiere delle loro curve e delle loro rotondità,
con gli shorts, le camicette sbottonate, prorompenti e fanciullesche sempre sorridenti e ambite….ma dose sono finite?
Oggi le pin up sono solo delle immaginette ingiallite un po’ vintage, non ammiccano più e non ispirano più, sono passate di moda,
non sono più procaci e formose, sono grasse, hanno la 44 o peggio ancora la 46.
belle vere
Ecco oggi sono “pien up”, malinconiche donne in carne, che piu che delle bombe sexy si sentono delle bombe e basta!
Entrano nei grossi store di abbigliamento, provano capi a iosa ma ogni volta che si specchiano vedono un quadro di Botero.
I grandi coutourier le hanno bandite, hanno creato il mito della donna filiforme , forse con meno stoffa da cucire contengono i costi!
Ma non sono meravigliose?
Vogue le ha immortalate come VERE ed ETERNE e la settimana della moda di Londra  ha dedicato loro  la FASHION PLUS SIZE WEEK!
Sta cambiando qualcosa…..e menomale!
Chi vuole proporre un elenco di blog o negozi on line per le “pien-up”? 😉

di titiana befa