I 10 comandamenti dell’amica del cuore

 

Siamo cresciute con il mito della migliore amica.
Crescendo mi sono resa conto che il fatto ADC [AMICA DEL CUORE] era imprescindibile per chiunque, dalle ragazze newyorkesi che parlano di sesso, a quelle che ammazzano la gente e si coprono vicendevolmente, passando per le guerriere Sailor che proteggono la terra unite e vincenti…

ADC è fattore sociale.

Se non ce l’hai a 5 anni, chi ti sceglierà come compagna di banco il primo giorno di scuola? E’ un dramma.
Se ne sei sprovvista a 16, con chi vai al parchetto a tirare limoni? Altro dramma.
Se a 25 anni non ne annoveri manco mezza, chi ti rifornirà di Nutella e Martini quando avrai visto il tuo ex in giro con la sua ex-ex? Mega dramma.
Se ti manca a 33, chi ti aiuterà a sistemare l’arredamento della tua nuova casa? Dramma pesantissimo… in tutti i sensi!
Se non l’annoveri a 45 anni, con chi piangerai i primi capelli grigi e le prime rughe che proprio non se ne vogliono andare? Dramma all’ennesima potenza.
Se a 50 e passa anni non sarà con te, chi potrai chiamare nel cuore della notte, per farti consolare delle sue foto su Facebook con la segretaria ventiduenne in bikini? Dramma finale.

L’amica del cuore serve.

i tatuaggi perfetti per le best friends
I tatuaggi perfetti per le best friends

E’ come l’aria, non sai di averne bisogno fino a quando non finisci nelle mani di un serial killer che ti tappa il naso e ti chiude la bocca!

Personalmente ho avuto la fortuna di avere una migliore amica incorporata e coi miei stessi geni, ovvero ho una sorella.
E come insegna la storia, le possibilità sono due: potevamo odiarci profondissimamente e avere intenti suicida vicendevoli; oppure potevamo amarci alla follia, prive di ogni invidia e ogni rivalità.

A me è andata fantasticamente di culo e faccio parte della seconda ronda!

Ma con il “sesso debole” ho avuto le mie delusioni; infatti, non essendo un donnino facile, è semplice per le altre vagina-munite non avermi particolarmente in simpatia…

Tuttavia sono conscia e consapevole di quanto l’ADC sia incredibilmente importante…

I 10 comandamenti per la migliore amica perfetta ve li do io…

migliori amiche si diventa...
Migliori amiche si diventa…

Seguiteli se volete avere una fanciulla che vi sta vicino anche quando siete la peggior versione di voi stesse, stronzette!

1- Non avrai altra amica all’infuori di me

So che sembra un po’ da pazza paranoica, ma l’ADC deve venire prima, sempre prima. Anche se siete fuori per un appuntamento, se l’amica chiama, voi correte! … anche se lui somiglia incredibilmente a Cristiano Ronaldo!

2- Non nominare l’ADC invano

Litigherete. E’ inevitabile, è ancestrale, è normale… Si litiga. Ma anche nel momento del litigio, mai sparlare della vostra amica, mai rivelare i suoi segreti più nascosti, mai tradire la sua fiducia. Ed è altrettanto importantissimissimo che, se mai sentiste qualcuno sputtanarla, è più che accettabile essere facinorose fino a quegli schiaffetti e spintoncini, che solo noi donne possiamo inscenare con stile.

3- Ricordati di santificare i weekend

Il venerdì sera è il giorno eletto per l’amicizia… A vent’anni! Passati quelli, anche il martedì può essere utile e la domenica non fa certo schifo… Comunque, nulla batte il ricordo di quando ci si metteva in tiro come se non ci fosse un domani, bevendo mojito a profusione, flirtando di maledetto, mentre si arranca su tacco 12… Spesso senza aver rimediato nemmeno un numero di telefono, quasi sempre senza la prospettiva di un appuntamento… Però sempre con qualcuno che vi tenga su i capelli davanti alla tazza del water, se avete esagerato con i mojito…

4- Onora l’ADC

Verrà il giorno in cui, almeno una volta al mese, scriverete che non importa quante volte vi vediate, ma che quando una delle due ha bisogno, l’altra c’è sempre. Ecco, quando arriverà quel momento, ricordatevi una cosa: che lei sia mamma e vi inviti a colazione o una donna in super carriera che vi inviti per uno spritz al locale più figo a 30 km da casa, dovete esserci! Sempre. Dovete sempre esserci.

5- Non ucciderla

Ribadisco un concetto precedentemente espresso: vi farà incazzare. Arriverà davvero quel momento in cui rimpiangerete il giorno in cui vi siete scelte. La odierai quando il ragazzo che piace a te guarderà lei, anche se lei non lo considera di striscio. La odierai quando la pillola le toglierà i brufoli, ma non la farà ingrassare, mentre a te fa esplodere le cosce. La odierai quando sua figlia imparerà a parlare 4 mesi prima di quel rimbambito di tuo figlio… Ma non credete a chi dice che a 80 anni lui vi terrà la mano, lui se ne sarà andato a giocare a carte al bar… la vostra ADC sarà lì a scolarsi whiskey giocando a burraco… altro ché cavoli!

6- Commetti con lei atti impuri

Lo so che vi sto intristendo alquanto, ma sappiate che arriverà anche un altro triste giorno: il venerdì sera casalingo! Quello in cui, stremate da una settimana troppo intensa e impegnativa, vedrete come un’oasi nel deserto divano/the caldo/plaid… Ecco in quei momenti deprimenti e depressivi, l’unica cosa che potrà salvarvi sarà ricordare tutte quelle cazzate che gli estrogeni vi hanno portato a fare! Come quella mattina che avete telefonato all’ADC perché vi siete svegliate in un letto sconosciuto…

7- Non rubare ragazzi/mariti/compagni…

Non per fare la moralista, ma io, in linea generale, sconsiglio sempre di interessarsi all’uomo di donna altrui… Ma quando si tratta del moroso dell’amica, se vi azzardate a guardarlo siete delle merde. Punto. E non c’è storiella d’amore o spiegazione laconica che possa giustificarvi. Sappiatelo!

8- Non dire falsa testimonianza all’ADC

Sì, siamo state tutte a catechismo e lo sappiamo a menadito che non si devono dire le bugie… Mi ricordo che alla prima confessione, abbastanza confusa sul comportamento da tenere, iniziai a elencare tutte le mie balle… E va beh… Ma qui concentriamoci sull’ADC; l’ADC non merita le nostre bugie, ma sempre la sincera sincerità, anche quando è spietata, anche quando non è richiesta… anche quando ci costerà muso lungo e insulti a profusione!

9- Non desiderare la donna che è l’altra

Invidia e gelosia, attriti e competizione, sono 4 parole che il vostro rapporto con l’ADC non dovrebbe M I N I M A M E N T E conoscere. No, nemmeno se lei è magra e ha le tette grosse e voi abbondanti ovunque tranne dove serve. No, nemmeno se lei dopo l’università è diventata la più giovane socia di uno studio legale e voi siete tirocinanti da 6 anni. No, nemmeno se lei ha sposato un calciatore e voi vivete con due gatti e una vecchia zia.

10- Desiderate il meglio per tutte e due 

Non essere invidiose, passare tempo insieme, vivere esperienze comuni… Tutte queste cose ve le ho dette, ma la cosa più importante di tutte è una… ridete! Siate tutte e due tanto felici insieme, quando vi vedete, quando vi pubblicate post che solo voi due capite su Facebook, quando ascoltate le vostre note vocali su wthatsap, quando vi inviate sms… Dovete cercarvi per rendere immensamente migliore l’una la vita dell’altra…

Gli amori vanno e vengono, ma un’ADC è per sempre!

di Alice Nember