La rivincita delle NORMALI

 

Lo abbiamo letto in ogni dove…
Jennifer Aniston si è fatta impalmare da Justin Theroux, attore/regista/sceneggiatore/artista/pittore, nato a Washington DC e di origini canadesi.

vergecampus.com_
Jennifer Aniston e Justin Theroux

Un avvenente signor Nessuno, che ha fatto sospirare tante, non solo la Jenniferona.

No, non parlo del solito pirla di un conquistatore seriale; parlo piuttosto dell’uomo che ha avuto il merito di farci sperare ancora.

Dopo la fine disonorevole del matrimonio con Brad [bel bisteccone] Pitt, le immagini depressissime di lei, le domande insistenti e piacevoli quanto un ramo d’abete tra gli incisivi, riguardo alla situazione del suo utero vuoto e del suo anulare sinistro ignudo, ecco che finalmente, nel 2011, spunta questo bel figurino.

Glamourissimi negli scatti, ma poderosamente discreti, scelgono un matrimonio lontano dalla favola dei Brannifer, che era stato ricco di scatti [venduti] e di immagini traboccanti di sogno.

Una cerimonia privata, con 75 invitati, che pensavano di essere a un party per il compleanno di Theroux e che invece hanno assistito a ciò che tutte le donne, in special modo le “anta”, sognavano… la redenzione!!!

Perché se è vero che nella vita si soffre, si deve anche poter avere un angolo di pace nel quale crogiolarsi… se nello specifico è una luna di miele a Bora Bora, tanto meglio!

Ma perché siamo tanto contente per la Aniston?

Perché questa fanciulla ci ha tanto impensierite e ora ci ha regalato un così sfolgorante respiro di sollievo?

rachel-hair-cover
Jennifer Aniston

* Lei è Rachel.
Non una qualsiasi. Proprio Rachel – Rachel, quella di “Friends”; la donna dal taglio di capelli che tutte, e dico proprio tutte, abbiamo copiato almeno una volta nella vita, le più ottenendo un ben differente risultato. Era “accessibile”, simpatica, spassosa… una di noi! E si era fidanzata e sposata con il più bello di tutti, quello che “non deve chiedere mai”, rendendolo più figo che mai…

* Lei non è una dea.
Oh, non che sia brutta, intendiamoci. Però ha, aveva, un naso “importante”, è bassa, con un viso spigoloso, insomma non è la principessa delle fiabe e nemmeno la top per eccellenza…. E quindi l’adoravamo e l’adoriamo ancora! Ha la dimensione di quella con la quale puoi sputtanare quella strafiga che sta meglio di te con il jeans appena acquistato.

original-11514-1400711333-9
Rachel, quella di “Friends”

* Lei è “friends” anche di fatto.
Al suo matrimonio, tra gli altri selezionatissimi invitati, c’erano anche Monica [Courtney Cox] e Phoebe [Lisa Kudrow], prova tangibile che il femminismo esiste e fa proselitismo!

* Lei è famosa, lui meno.
Smarcatasi dal ruolo di cornuta d’America, si è scelta, come sposo, un bel giovanotto, per l’amor del cielo; che lavora nel mondo dello spettacolo, nessuno dice niente; ma che non può nemmeno paragonarsi lontanamente alla neo-mogliettina! Dimostrando così il potere che possono avere le donne nel 2015!

* Lei non si è scelta il “toy boy”.
A differenza di altri compagini femminili, di ex coppie famose [vedi Demi Moore], Jen lancia la controtendenza del coetaneo, giusto 2 anni li separano, e sicuramente, non si notano affatto. Non ha cercato di sostituire l’ex marito con un belloccio di primo pelo, ma si è scelta un compagno che potesse essere la sua stessa solidità. Modernissima!

* Lei è stata mollata dal più bello di tutti per la più bella di tutti.
Oggi siamo tutti felici e contente dei duecento bambini che si portano appresso, sorridendo come micro modelli della Benetton; e ci siamo commosse innanzi a quella loro unione così “famigliare”; e l’altra c’è diventata quasi simpatica, nel suo talento umanitario…  tuttavia, quando accadde il fattaccio, i Brangelina li detestavamo, sostenevamo non sarebbero durati e abbiamo notato immediatamente, quanto Brad fosse diventato trasandato, quasi imbruttito. …quasi… Quindi, abbiamo solidarizzato con la Jennifer, facendo un tifo sfegatato per ogni relazione [sbagliata] edandando a vedere ogni suo film [anche dimenticabile…].

* Lei si è sposata a casa sua.
Niente squilli di trombe, ne fuochi d’artificio. Niente location italiane a picco su chissà quale golfo. Un giorno come un altro; la sua [S U A] villa californiana; pochi invitati, famosi e non… Dimostrazione della semplicità che la contraddistingue nell’immaginario di tutti noi, ma anche di forza straordinariamente nuova. Lei è la donna con il potere… wow…

* Lei è la rivincita per eccellenza.
Ci si chiedeva perché lo fosse, ma è abbastanza palese: una quarantaseienne, che A TUTTE LE BENEDETTE INTERVISTE si vede rivolgere la domanda “quindi vi sposate? e figli? niente?”, ha smaccatamente fatto perdere la trebisonda, decidendo di vivere un amore che la coinvolgesse, senza mai vacillare, senza mai cedere alla rinuncia dell’amore, ma sempre credendo in se stessa e mettendosi in prima linea, lei come protagonista.

suffragette
Suffragette

… beh, una lezioncina da imparare per noi tutte, no?

 

 

di Alice Nember