Bigoricetta di Natale: i ricciarelli firmati Pici e Castagne

Oggi vi porto in Toscana da una delle mie blogger preferite: la bravissima Serena di Pici e Castagne, toscanissima ragazza importata a Roma che oggi ci racconta qualcosa di lei e ci regala la ricetta dei ricciarelli, esiste qualcosa di più natalizio?

Serena del blog Pici e Castagne
Serena del blog Pici e Castagne

“Ballo in cucina… perché è assai più che una stanza e starci dentro ha un significato molto più ampio che racimolare e assemblare ingredienti, sfangare l’impegno quotidiano del pranzo e della cena.
La cucina è storia, è memoria, è comunicazione, rispetto di se stessi, mezzo per dimostrare presenza e affetto. È cultura ed economia, gioco individuale o di gruppo, manipolazione, alchimia e fantasia: è musica e danza!”(Letizia Nucciotti, L’antichef)
Questa è senza dubbio la frase che più rappresenta me, il mio modo di stare in cucina e di condividerlo attraverso il blog.

Amo la mia regione d’origine, la Toscana, i suoi tramonti, i suoi boschi, i suoi profumi, la sua cucina povera e per questo ancora più attenta agli ingredienti, le sue ricette antiche nate nei piccoli borghi tanti e tanti anni fa, modificate, adattate e perfezionate fino a giungere a noi oggi, come questi ricciarelli che sono ormai parte della nostra famiglia, del nostro Natale che profuma intensamente di mandorla e s’imbianca di zucchero a velo.

i ricciarelli di Pici e Castagne
i ricciarelli di Pici e Castagne

Ingredienti:

350 gr di zucchero

1 cucchiaio di farina

2 albumi

1 fiala di aroma di mandorla

2 cucchiai di arancia candita

12 bustina lievito vanigliato

zucchero a velo vanigliato

ostie

Sbollentare velocemente le mandorle per privarle della loro pellicina.

Far asciugare le mandorle per un paio di minuti nel forno caldo senza però farle colorire.

Tritare le mandorle con 250 gr di zucchero fino ad ottenere una farina fine e senza grumi.

Setacciare la farina 00 insieme al lievito.

Tritare finemente la scorza d’arancia e preparare uno sciroppo con lo zucchero rimasto e 3-4 cucchiai d’acqua.

Quando lo zucchero si sarà sciolto e lo sciroppo avrà raggiunto una certa consistenza senza però caramellare, spegnere il fuoco.

Impastare la farina di mandorle con gli albumi, la farina, la scorza d’arancia, lo sciroppo di zucchero e l’aroma di mandorle.

Avvolgere la pasta in un panno umido e farla riposare tutta una notte.
L’indomani preriscaldare il forno a 160°.
Prelevare piccole quantità di impasto e formare i ricciarelli nella loro tipica forma romboidale.

Adagiare ogni ricciarello su un’ostia.
Cospargere i ricciarelli di abbondante zucchero a velo e infornare per 10 minuti circa: sono pronti quando si saranno formate delle crepe sulla superficie.

di Valentina Barone