Come servire l’anguria ai nostri ospiti

L’anguria è sicuramente il frutto dell’estate: adoriamo mangiarla in compagnia dei nostri amici, dopo averla ben refrigerata, perché l’anguria si mangia fredda, anzi freddissima. L’anguria, chiamata anche cocomero o melone d’acqua, è sicuramente il simbolo della stagione calda: è ricca di acqua, è un dissetante naturale, ideale in estate, e si può mangiare semplicemente come snack fresco e dolce. Ma lo sapete che si può servire anche in tantissimi altri modi per stupire i nostri ospiti a tavola?

Con l’anguria possiamo fare gradevoli e fresche macedonie e granite, ideali per fare uno spuntino o come dessert semplice e naturale. Ma possiamo anche utilizzarla in altri modi, sia in piatti salati sia in piatti dolci ricchi di sapore e di gusto. I più grandi chef propongono diverse varianti golose.

Il modo più famoso di servire l’anguria è “ubriacarla”: praticate un foro in cima al frutto, che dovrà servire da “tunnel” dove inserire rhum o Vodka. Il liquido andrà a inumidire tutta l’anguria e quando la taglierete a fette ecco che il frutto saprà di rhum o di Vodka, per la gioia di tutti coloro che adorano queste varianti alcoliche, a patto di non esagerare.

Con l’anguria possiamo creare scultuire davvero incredibili, tagliando ad arte questo frutto. Oppure possiamo usarlo per festeggiare Halloween un po’ in anticipo, intagliando il frutto come se fosse la classica e spaventosa zucca di fine ottobre.

E ancora, c’è chi prepara la gelatina di limone e l’accompagna alla menta, chi propone un’insalata con dentro anche l’anguria, insieme ad altri ingredienti salati, chi la serve come gelato o chi la usa per accompagnare piatti di pesce, che così si rinfrescano un po’.

Non c’è che l’imbarazzo della scelta!

di Redazione