Cos’è la Wagyu, la carne giapponese che va tanto di moda

Avete mai sentito parlare della carne Wagyu? E’ una carne che arriva dal Giappone e che per la sua prelibatezza (oltre che per il suo costo) viene utilizzata nel paese del Sol Levante solo in grandi occasioni. Qual è la particolarità di questa carne? Il fatto che si scioglie letteralmente in bocca: è così morbida che non serve un coltello per tagliarla e grazie alla sua bontà e al suo gusto è diventata di moda anche in Occidente. Ma cos’è la carne Wagyu? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

In questi giorni, gli allevatori giapponesi sono venuti a Roma per partecipare a un seminario e presentare a ristoratori e concorrenti di contest televisivi di cucina la Wagyu, il meglio che c’è in giro, oltre alla carne Kobe, ovviamente, un’altra prelibatezza che ci arriva sempre dall’Oriente, a dimostrazione che la carne la sanno fare più che bene.

Il seminario si concluderà a gennaio 2018 e vede la partecipazione di 20 chef italiani: ognuno dovrà preparare una ricetta a base di Wagyu rivisitata secondo la tradizione culinaria italiana. Certo, è una carne un po’ costosa, visto che i tagli più comuni, filetto escluso, costano 150 euro al chilogrammo.

La Wagyu si può fare sotto forma di tartare, carpaccio, straccetti: in Europa non si può vendere con l’osso, perché l’Unione Europea non dà il permesso di importare bistecche e costate nipponiche, ma ci sono delle trattative in corso per poter superare questa limitazione.

La carne Wagyu si riconosce perché è venata come il marmo, ha un colore rosso molto intenso ed è ricca di acidi grassi insaturi. Il sapore è ricco, dolce, corposo e basta scottarla poco per poterne assaporare tutto il gusto.

Che dite, vi è venuta fame? Magari poterne avere una fettina, anche in carpaccio, per un pranzo leggero e gustoso!

di Redazione