Crema di ceci con gamberi all’aneto per il cenone di Capodanno

 

Pensavate di esservela cavata con i menu di pranzi e cene natalizie? E invece no. C’è ancora il cenone di Capodanno ad aspettarvi.
Avete già qualcosa in mente? Io sì, ho tante idee che mi frullano per la testa e ne ho provata già qualcuna davvero interessante come la ricetta che voglio scrivervi oggi: crema di ceci con gamberi all’aneto.
Un piatto semplice, ma buonissimo perfetto da servire o come ‘primo’ primo oppure impiattato in porzioni più piccole come antipasto.

Ecco la ricetta….

DSC_3123
Crema di ceci con gamberi all’aneto

Tempo di preparazione:

10 minuti

Tempo di cottura:

20 minuti

Dosi per:

2 persone

Ingredienti:

200 g di ceci di cotti
12 gamberi
2 fette di pane
aneto fresco
uno spicchio d’aglio
un rametto di rosmarino
sale
pepe nero
olio extra vergine d’oliva
brodo vegetale

DSC_3129
Crema di ceci con gamberi all’aneto

Preparazione:

Insaporire in un tegame i ceci con uno spicchio d’aglio, un filo d’olio extra vergine d’oliva e un rametto di rosmarino.

Dopo averli fatti insaporire, aggiungere sale, pepe nero e due mestoli di brodo vegetale e lasciar cuocere 10 minuti, fin quando il brodo sarà diventato la metà.

Mentre i ceci sono in cottura, pulire i gamberi dal carapace e dall’intestino e cuocerli al vapore. Appena sono di colore bianco, toglierli dal fuoco. Metterli in un contenitore e condirli con olio evo, sale, pepe nero e abbondante aneto fresco tagliato a pezzetti.

Tostare il pane e tagliarlo a cubetti.

Mettere i ceci in un mixer a immersione con il loro brodo, lasciandone da parte due cucchiai per guarnire il piatto, e frullare fino a ottenere una crema liscia. Se risulta troppo liquida metterla nuovamente sul fuoco e lasciarla ritirare un po. Se invece risulta troppo densa, mentre la frullate aggiungere un po’ di brodo caldo.

Mettere nel piatto prima la crema di ceci, poi i gamberi, i cubetti di pane e terminare con un filo d’olio evo a crudo e dell’aneto fresco.

DSC_3109
Crema di ceci con gamberi all’aneto

 

di Roberta Castrichella