Fagottini di pasta fillo con pomodoro e mozzarella

Articolo scritto da Cristina del blog Contemporaneo Food

A casa mia sia il sabato che la domenica non si usa fare il pranzo classico, bensì si preferisce optare per una sorta di brunch non troppo abbondante, quasi una tarda merenda sostanziosa.

Per questo motivo sono alla perenne ricerca di idee sfiziose e leggere che soddisfino le aspettative di un compagno che ormai, abituato ai “lussi” di avere per casa a disposizione una food blogger, si aspetta sempre qualcosa di nuovo.

Vi assicuro… non è affatto cosa facile né immediata!

La ricetta che vi propongo oggi – Fagottini di pasta fillo con pomodoro e mozzarella – è stata diverse volte, in questi frangenti, una mia alleata, anche perché partendo da una base semplicissima e dando sfogo alla fantasia, si possono creare ogni volta differenti versioni dei fagottini sempre più appetitose.
Se poi voglio cambiare consistenza utilizzo anziché la pasta fillo i fogli detti Spring Roll Wrapper abbastanza facili da reperire nei vari supermercati. Il procedimento è il medesimo, la praticità è la stessa, a cambiare leggermente è appunto la consistenza: con la pasta fillo si ha un fagottino più leggero e croccante mentre con gli Spring Roll Wrapper, soprattutto se tiepidi, il fagottino risulterà leggermente più morbido… potreste, anche voi, sperimentarli entrambi.

Indipendentemente dalle materie prime utilizzate sia per l’involucro che per il ripieno, questa ricetta torna utile anche se si deve preparare un aperitivo.
Magari con dimensioni più modeste potreste con lo stesso procedimento preparare dei rotolini o addirittura dei sigari croccanti e super gustosi da servire come finger food.

Vi lascio in compagnia della ricetta augurandovi che
la creatività sia con voi!

Dosi:

4 persone

Tempi di preparazione:

12 minuti

Tempi di cottura:

15 minuti totali

Che cosa ti occorre:

una padella per la frittura

Ingredienti:

16 fogli di pasta fillo di grandezza circa 20×20

16 bastoncini di mozzarella per pizza

1 peperone rosso (facoltativo)

32 pomodorini pachino

q.b. sale e pepe

q.b. curcuma e semi di cumino

q.b. olio di arachidi per la frittura

q.b. salsa di soia senza sale (facoltativo)

Procedimento:

Tagliare la forma di mozzarella per pizza in 16 bastoncini di circa 1,5 cm di spessore e lunghi 10 cm.

Pulire il peperone rosso, tagliarlo in quattro e ricavarne delle striscioline il più sottili possibile.

Ricavare dai fogli di pasta fillo dei quadrati di dimensione circa 20×20.

Al centro di ogni quadrato porre una fila di fettine di pomodoro pachino (si consiglia 5 pezzi).

Salare leggermente il pomodoro e adagiarvi sopra il bastoncino di mozzarella. Aggiungere del pepe macinato e sistemare ancora sopra le striscioline sottili di peperone.

Condire con curcuma, semi di cumino e un pizzico di sale.

Per chiudere i fagottini di pasta fillo per prima cosa piegare verso l’interno i due lati verticali in modo da fermare bene il condimento centrale. Successivamente, partendo dal basso piegare verso l’alto tutto il bordo di pasta fillo coprendo il condimento stesso e incominciare a creare il bocconcino di fillo arrotolandolo su se stesso verso l’alto.

Se si sceglie di preparare i fagottini con gli Spring Roll Wrapper la procedura è la medesima.
Occorre però preparare i roll wrapper bagnandoli sotto l’acqua calda per pochi istanti, posandoli poi su di un panno asciutto e pulito. Il condimento e la procedura di chiusura è la stessa.

Essendoci in commercio diversi tipi di Spring Roll Wrapper più o meno sottili si consiglia di verificare se l’utilizzo di un solo foglio per rotolo possa reggere la frittura. Occorrerebbe quindi prepararne uno e provare a friggerlo. Se non dovesse reggere la frittura perché troppo fine sarà sufficiente utilizzarne due per rotolo, sovrapponendo i fogli, entrambi bagnati sotto l’acqua calda.

In una capiente padella adatta alla frittura portare l’olio di arachidi a temperatura e procedere con la cottura che dovrà essere molto veloce.

I fagottini con mozzarella e pomodoro sono ottimi sia caldi che tiepidi, serviti da soli o accompagnati con della salsa di soia senza sale.

di Redazione