Gazpacho con gamberi

 

Il gazpacho è un piatto tipico della cucina spagnola. A base di verdure crude, è molto apprezzato d’estate soprattutto nelle regioni più calde come per esempio l’Andalusia. Le varianti del gazpacho, come di tutti quei piatti che entrano con forza nella consuetudine di un po’ tutte le cucine del mondo, sono numerosissime.
Gli ingredienti principali, però, solitamente sono: peperoni, pomodori, cetrioli e cipolla.
Consueta è l’aggiunta di erbe aromatiche e spesso anche del pane raffermo, ammorbidito in acqua, tutte quelle volte che si vuole ottenere una crema più corposa e densa.

gazpacho-antipasto-verdure-contemporaneo-food
Gazpacho con gamberi

Il gazpacho, servito in tutte le sue varie sfumature, è comunque un piatto che si mangia freddo, spesso con l’aggiunta di cubetti di ghiaccio e, in base al “ruolo” che gli si vuole dare (antipasto o vero e proprio primo alternativo se non addirittura piatto unico), viene accompagnato da crostini di tutti i tipi, verdure, pesce fresco o uova sode.

Servito nel bicchiere o in piccoli barattolini di vetro come aperitivo risulta molto gradevole e ovviamente rinfrescante.

La versione che vi propongo oggi è molto basica, perché secondo me vale la pena assaggiarlo in una delle sue declinazioni più semplici per poi, a seconda delle preferenze, arricchirlo durante la preparazione con ingredienti aggiuntivi.

gazpacho-antipasto-verdure-contemporaneo-food
Gazpacho con gamberi

Gli ingredienti che ho usato oggi sono quindi: pomodori, peperone rosso, cetriolo, cipollina fresca, pane raffermo, olio, pepe nero e sale.

Per rendere più semplice possibile l’esecuzione della ricetta ho eliminato un passaggio che a volte, per mancanza di tempo o di voglia (capita) stempera un po’ il desiderio di preparare il gazpacho, ovvero il suo passaggio al colino per eliminare tutte le imperfezioni e renderlo una crema super vellutata.
Questo step si fa quando si frullano insieme tutte le verdure e si aggiunge solo dopo il pane raffermo, bagnato nell’acqua e ridotto in poltiglia.
Passando tutto al mixer (anche il pane) la preparazione diventa rapidissima e il gazpacho denso e super cremoso.

Un piccolo consiglio?

Dosate bene aceto bianco e sale: sono due ingredienti che se ben bilanciati fanno da soli la differenza per il nostro gazpacho che oggi ho servito con gamberi appena piastrati.

Che la creatività sia con voi!

gazpacho-antipasto-verdure-contemporaneo-food
Gazpacho con gamberi

Tempo di preparazione:

15 minuti

Tempo di cottura:

non è prevista cottura

Dosi per:

4 persone

Cosa ti occorre:

mixer

Ingredienti:

n.6 pomodori molto maturi e grandi

n.2 cetrioli grande

n.1 cipollina fresca molto piccola

n.1 pagnotta di pane di grandezza media

n.1 peperone rosso

n.3 cucchiai olio extra vergine di oliva

q.b. sale e pepe nero

q.b. aceto di vino bianco

n.8 gamberi

Procedimento:

Per prima cosa mettere in acqua tiepida il pane raffermo tagliato a pezzettoni.

Quando sarà diventato molle strizzarlo e metterlo in un contenitore adatto al mixer.

Aggiungere i pomodori privati della pelle e degli eventuali semini, un cetriolo, mezzo peperone e la cipolla.

Unire l’olio e passare tutto al mixer.

Condire con sale, pepe nero e poco aceto di vino bianco.

Lasciare in frigorifero fino al momento dell’utilizzo.

Preparare nel frattempo una dadolata con il cetriolo e il pezzo di peperone rimanenti. Condire con poco olio e pepe e lasciare da parte.

Se si vuole servire il gazpacho con i gamberi (vanno bene anche i gamberetti) piastrare questi ultimi per pochissimi istanti  in una padella dal fondo molto caldo.

Versare il gazpacho nei barattoli di vetro o nei bicchieri, guarnire con un po’ di verdurine tagliate e uno o due gamberi piastrati.

 

di Cristina Saglietti