I 7 falsi cibi più comuni nei quali possiamo incappare

Con l’alimentazione non si scherza e lo sappiamo molto bene tutti quanti noi, che ogni giorno cerchiamo di portare sulle nostre tavole gli alimenti più giusti per la nostra salute, oltre che per la nostra linea. Spesso, però, nonostante tutti gli sforzi rischiamo di incappare in piccole o grandi frodi alimentari. Pensando di portare a casa cibi perfetti per noi, in realtà acquistiamo delle imitazioni che possono non fare bene alla salute.

Sulle nostre tavole arrivano ogni giorno alimenti che possono non essere proprio gli originali: se ci facciamo magari convincere da prezzi o promozioni convincenti è facile cadere nell’inganno, ma basta poco per saper riconoscere gli alimenti più sani per la nostra salute.

Lo sapete ad esempio che nella polvere di caffè spesso, oltre ai chicchi di caffè, ci sono anche altri semi o altre componenti come la soia? Lo fanno per ridurre i prezzi di produzione, per questo dovremmo sempre acquistare i chicchi di caffè da macinare poi a casa nostra.

Attenzione anche al succo di melograno: leggete sempre bene le etichette, acquistando solamente il 100 per 100 di succo di melograno, senza troppi altri ingredienti. Occhio all’olio di oliva: se costa troppo poco, evidentemente non è fatto bene, con olive di qualità. O magari, peggio, è mischiato con altri oli. Mettete la bottiglia in frigo e se fa sedimento allora è vero olio di oliva.

Il formaggio parmigiano è quello che vanta il maggior numero di imitazioni. Come riconoscere quello falso? Non ha la maschiatura corretta e, assaggiandone anche solo una briciola, si sente la differenza! Anche il miele può essere diluito: attenzione agli ingredienti e al luogo di acquisto!

Infine, attenzione al sushi non conservato correttamente, potreste incappare in gravi problemi alimentari. E anche il riso può essere falso e potenzialmente pericoloso!

Fonte: brightside

di Redazione