App per food lover: il celebre "Cucchiaio d'argento" diventa tecnologico

In ogni casa c’è almeno un libro di cucina, fatto di ricette passo passo con immagini e consigli. Ci viene regalato per Natale se andiamo ad abitare da soli, e uno dei volumi che in molti hanno, o che almeno le nostre nonne o mamme hanno in casa, è “Il Cucchiaio d’Argento”, forse perché è uno dei ricettari storici, pubblicato per la prima volta nel 1950 e diventato quindi un’istituzione.
Ma dai libri in questi anni si è passati agli ebook e poi alle applicazioni, per utilizzare in maniera smart contenuti ed estratti di libri.
E così è anche per questo storico volume, che si trasforma in un app con ricette che possono essere consultate dal proprio smartphone, salvate, condivise, inviate e personalizzate con i propri appunti ed eventuali varianti sperimentate.

l'applicazione il cucchiaio
l'applicazione il cucchiaio

A disposizione una versione “free” con 110 ricette e una versione “premium” a 1,79 euro con ben 1.100 ricette: antipasti, piatti unici, snack e molti altri consigli dall’esito certo, in puro stile Cucchiaio d’Argento, per una tavola sempre gustosa e mai banale. Entrambe le app regalano una proposta nuova alla settimana per un ricettario in costante crescita che si arricchisce giorno dopo giorno.

La versione a pagamento poi racchiude anche diverse altre funzionalità, come:

– la possibilità di fare una lista della spesa, aggiungere gli ingredienti mentre si legge la ricetta e condividere la stessa per email (magari dobbiamo spedirla a qualcuno che deve fare la spesa per noi, perché no?!)
– ha un timer che permette di tenere sotto controllo i tempi in cucina, durante la realizzazione di una ricetta
– creare una lista “my 50” dove poter salvare le nostre 50 ricette preferite e poterle consultare quando possiamo, e cambiarle ogni volta che vogliamo

schermate della app con ricette
schermate della app con ricette

Ovviamente di applicazioni con ricette di cucina lo sappiamo tutti che ce ne sono tantissime, ma di questa sappiamo benissimo che sono ricette che provengono da un volume di lunga storia e quindi non possiamo sbagliare.
La grafica è davvero carina, limpida, pulita e funzionale.
Ah dimenticavo, se vi piace una ricetta potete condividerla sui social, come Facebook e Twitter.

di Francesca Gonzales