La ricetta del pandoro fatto in casa

 

Ogni regione d’Italia ha il suo dolce tradizionale quando si parla di Natale, ma se dovessimo riassumere in due parole la categoria dolci natalizi le parole sarebbero uguali ovunque: pandoro e panettone.
Due lievitati d’eccellenza, semplici nell’aspetto, ma ricchi nella sostanza, che hanno il potere di racchiudere tutto lo spirito natalizio in una sola fetta. Il pandoro è tipico della zona di Verona, è un impasto ricco di burro, soffice e dall’inconfondibile forma a stella. La sua lavorazione è simile a quella della pasta sfoglia, fatta di pieghe che danno l’effetto sfogliato che lo rende molto più morbido del panettone.
Farlo in casa è abbastanza semplice, anche se un po’ lungo. I grandi lievitati come il pandoro richiedono, infatti, una particolare attenzione (e tempo) sia nella fase di impasto che per il riposo. Esistono regole ferree, tempistiche e gradazioni precisissime, ma se non siete dei pasticceri e volete comunque ottenere un buon risultato senza impazzire, questa è la ricetta che fa per voi.

Pandoro2
La ricetta del pandoro fatto in casa

Tempo di preparazione

4 ore

Tempo di cottura

50 minuti

Dosi per

1 pandoro da 1 kg

Occorrente

Planetaria, stampo per pandoro.

Ingredienti

25 g di lievito di birra
125 ml di latte
100 g di farina
500 g di farina manitoba
140 g di zucchero
80 g di burro
5 tuorli
3 uova
scorza grattugiata di un limone
350 g di burro per la sfogliatura

Procedimento

Preparate un primo impasto con il lievito di birra sciolto nel latte tiepido e 100 g di farina. Impastate bene e fate lievitare fino al raddoppio del volume (almeno un’ora).

Aggiungete poi metà dose di farina manitoba, zucchero, burro e le 3 uova intere e impastate in modo energico fino a che sarà tutto ben amalgamato e liscio (vi consiglio l’uso dell’impastatrice per questo passaggio. Serviranno almeno 10 minuti prima di ottenere un buon risultato). Aggiungete la scorza di limone e, dopo che sarà ben distribuita, coprite con pellicola trasparente e fate riposare in frigorifero tutta la notte.

Dopo aver fatto riscaldare a temperatura ambiente l’impasto per un’ora circa, stendetelo a uno spessore di circa 1 cm. Preparate un panetto con il burro, posizionandolo tra due fogli di pellicola e stendendolo con un matterello fino a creare un rettangolo spesso 2 cm.

Pandoro9
Posizionatevi al centro il panetto di burro

Riprendete il primo impasto e stendetelo fino a formare un rettangolo. Posizionatevi al centro il panetto di burro. Chiudete i lembi verso il centro, in modo da coprire il burro e stendete con il matterello. Date delle pieghe (vedi foto) e ripetete l’operazione 3-4 volte.

Pandoro8
Chiudete i lembi verso il centro
PAndoro7
Date delle pieghe
PAndoro6
Ripetete l’operazione 3/4 volte.

A questo punto formate un palla e posizionatela al centro di uno stampo da pandoro ben imburrato e infarinato, avendo cura di lasciare la parte liscia verso l’alto.

Pandoro5
formate un palla, e posizionatela al centro

Coprite con della pellicola e fate lievitare per un’ora a 35° (forno spento con la luce accesa).
Una volta lievitato infornate a 150° per 50 minuti.
Una volta cotto, fatelo raffreddare su una griglia.

di Tamara Pallaro