La ricetta della cognà

 

Quando l’autunno si avvicina, c’è solo una cosa fa fare: la cognà (o cugnà), questa salsa simile a una marmellata si può fare solo in un momento specifico dell’anno, ovvero durante la vendemmia.
È necessario, infatti, il mosto d’uva che si può fare anche a casa, ma è necessaria uva da vino e non la classica uva da tavola che si trova tutto l’anno.

Per fare questa ricetta è necessaria tanta pazienza e tanto tempo: è infatti una preparazione facile da fare, ma lunga. Io la faccio ogni 2 anni in grandi quantità, per servirla con i formaggi durante le feste con gli amici durante l’inverno

IMG_8149
La cognà per i formaggi

Dosi:

per circa 6 barattoli da 250 gr

Tempo di preparazione:

1 ore

Tempo di cottura:

6-8 ore

Che cosa ti occorre:

una ciotola, un setaccio, una pentola, un cucchiaio di legno, 6 barattoli  da 250 gr e 6 tappi monouso,

Ingredienti:

1,3 kg di uva rossa oppure 1 kg di mosto d’uva rossa
4 pere di qualità a polpa dura
1 mela cotogna
200 gr di fichi
50 gr di mandorle
50 gr di noci
100 gr di nocciole
1 stecca di cannella
5 chiodi di garofano
scorza di un limone

Procedimento:

Nel caso voi non riusciate a trovare del mosto d’uva (potete andarlo a  comprare da una cantina di fiducia), potete preparare il mosto da voi.

Schiacciate l’uva in un recipiente capiente con un pesta carne: poi passate il tutto al setaccio

Ottenete così mosto che vi serve per preparare il cugnà, trasferite il tutto in una pentola e portatelo a ebollizione. Il mosto si dovrà addensare, questa la parte più lunga della preparazione perché c’è molta acqua.

Quando avrà raggiunto un consistenza simile a una marmellata liquida, aggiungete le pere e le mele sbucciate e tagliate a cubetti e i fichi.

Mescolate spesso per far evaporare: questa operazione durerà circa un paio di ore. Verso metà aggiungete la frutta secca precedentemente tostata in padella per 5  minuti, unite poi la stecca di cannella e i chiodi di garofano pestati.

Finite la cottura fino a raggiungere la consistenza di una marmellata densa e mettetela nei barattoli precedentemente sterilizzati in una pentola calda con acqua bollente.

Lasciate riposare nei barattoli sterili per almeno due settimane, poi servite con i formaggi: si accompagna perfettamente con prodotti sia di mucca che di pecora e capra di tutte le stagionature.

IMG_8156
La cognà per i formaggi

di Valentina Barone