Mangereste mai una tavoletta di cioccolato al Wasabi?

 

Paese che vai, gusti che trovi. Se ogni cultura ha le sue tradizioni gastronomiche, cosa succede quando un prodotto straniero incontra i gusti di un paese tanto distante culturalmente? Succede che nascono prodotti che proprio non ti aspetti. Avete presente il famosissimo Kit Kat, la barretta di cioccolato con wafer prodotta dalla Nestlè, che noi abbiamo provato a fare in casa? Ebbene, sappiate che in Giappone viene venduta al gusto Wasabi. Ed è verde!

Kit Kat al Wasabi
Kit Kat al Wasabi

La barretta è opera del pasticcere giapponese Yasumasa Takagi, che ha deciso di rivoluzionare la barretta di cioccolato proponendola in 300 varianti di gusto. Da noi esiste già in più versioni: al cioccolato al latte, al cioccolato fondente, al cioccolato bianco, al gusto di biscotto e crema, in formato praline ai cereali, sotto forma di yogurt, ma la versione al Wasabi ci mancava.

Il pasticcere non ha solo proposto il gusto Wasabi, visto che le sue versioni, realizzate in accordo con la Nestlè, sono più di 300 e includono, ad esempio, il Kit Kat alla frutta, ai fiori di ciliegio, all’aceto di limone, alla zucca, al tè, alle mele Shinshu, al sake e ai fagioli Adzuhi. Le sue prelibatezze le potete assaggiare nel Chocolatory aperto a Tokyo nel 2014.

Anche voi avreste il coraggio di provarlo?

Fonte: Mediagu

di Redazione