Peperoni ripieni vegani

 

Vi piacciono i piatti unici?
Oggi ve ne propongo uno vegano, light e super gustoso: peperoni ripieni con riso integrale.
Questi peperoni sono una versione rivisitata dei classici pomodori con il riso che si preparano in estate, ma oltre che prevedere il peperone al posto del pomodoro, sono preparati con il riso integrale e sono vegani!
Sono l’ideale se avete qualcuno a cena, perché potete tranquillamente prepararli in anticipo, anzi sono ancora più buoni se preparati in anticipo perché avranno tutto il tempo di insaporirsi.
Ecco la ricetta.

DSC_0005
Peperoni ripieni vegani

Tempo di preparazione:

20 minuti

Tempo di cottura:

60 minuti

Dosi per:

2 persone

Ingredienti:

1 peperone grande rosso
2 pomodori da sugo ben maturi
70 g di riso integrale
1 spicchio di aglio
3 patate grandi
5 foglie di menta
5 foglie di basilico

DSC_0002
Peperoni ripieni vegani

Preparazione:

Lavate il peperone, divideteli in due ed eliminate i semi delicatamente con un coltello. In un recipiente mettete il riso.

Svuotate i pomodori tagliando la parte superiore e scavando con un cucchiaio. Unite il succo che ottenete al riso. Tagliate la parte più soda dei pomodori a piccoli cubetti e unite anch’essi al riso.

Tritate al coltello le foglie di menta, il basilico e lo spicchio di aglio privato dell’anima interna. Unite al riso.

Condite il riso con olio evo, sale e pepe nero

Salate leggermente l’interno dei peperoni e condite con un filo di olio evo, poi riempiteli con il riso.

Pelate le patate, tagliatele a fette e condite con olio sale e pepe

Coprite con la carta forno una teglia, poi sopra a questa mettete un pezzo di carta di alluminio grande e ungetelo con un filo di olio evo.

Adagiate i peperoni e le patate sopra l’alluminio. Coprite con un altro pezzo di alluminio e chiudete i bordi per formare un cartoccio.

Infornate a 200° per 50/60 minuti. Gli ultimi dieci minuti di cottura scoprite e lasciate cuocere scoperti.

DSC_0007
Peperoni ripieni vegani
DSC_0016
Peperoni ripieni vegani

BUON APPETITO!

di Roberta Castrichella