Qual è la differenza tra cotechino e zampone?

E’ un dilemma che in questo periodo dell’anno si ripresenta sempre: qual è la differenza tra cotechino e zampone? Pur adorando gli insaccati, in realtà non mi piace né l’uno né l’altro, però sarebbe carino sapere quale sia l’effettiva differenza. Che ho sempre pensato essere che uno non ha la zampetta finale e l’altro sì, ma in realtà tutto sta nel budello utilizzato. Il cotechino, infatti, è un tipo di insaccato inserito o in un budello di maiale o in un budello artificiale.

Questo è lo zampone con la sua zampetta finale
Questo è lo zampone con la sua zampetta finale

Lo zampone, invece, utilizza come involucro la zampa anteriore del maiale. Quindi finisce con una zampetta, non ero poi molto lontana dalla verità.

Il contenuto è variabile, ma nell’impasto di solito si trovano carni magre fresche provenienti da spalla, gamba, collo e garretto, cotenna e parti grasse della gola, guanciale e pancetta.

Secondo la storia, è nato prima il cotechino, mentre lo zampone è più tardivo, il primo sembra essere apparso nel 1511 durante l’assedio di Mirandola ad opera di Papa Giulio II della Rovere. Per evitare di far andare a male la carne degli ultimi maiali rimasti, la conservarono nelle zampe anteriori.

Foto: FlickrFlickr

di Laura Seri