Strudel di mele e frutta secca da mangiare o regalare per Natale

Strudel di mele per Natale
Strudel di mele per Natale

Diciamolo, Natale è dietro l’angolo e se fate parte della schiera delle persone che come la sottoscritta amano tutto il periodo precedente alla fatidica data e quando arriva il momento di festeggiare preferirebbero essere alle Bahamas allora fate anche parte della schiera di persone che amano cucinare in vista del Natale.
C’è chi prepara biscotti, chi sforna panettoni e pandori, chi si butta su conserve e marmellate e chi invece punta tutto sugli odori e i profumi tipici dell’inverno, preoccupandosi della sua sopravvivenza quotidiana a base di prodotti di stagione e spezie “invadenti”, come la cannella e lo zenzero.
Io faccio parte proprio della schiera di chi cucina natalizio per piacere personale e a casa mia da metà novembre in poi non manca mai lo strudel di mele e frutta secca, dolce che io associo tradizionalmente a questo periodo dell’anno e che non solo è ottimo per la merenda ma fa anche una gran bella figura se lo si offre come dolce dopo la cena o se lo si impacchetta per bene e lo si regala.
La mia versione è molto semplificata perché mi piace pensare che non si debbano perdere ore di fronte al forno per tirare fuori qualcosa di buono: ci sono tutti gli ingredienti tipici e anche qualcuno in più e basta solo assemblarlo per poi cuocerlo in una ventina di minuti circa.
È un dolce che piace praticamente a tutti e per fare in modo che sia speciale e ancora più buono è necessario secondo me scegliere accuratamente gli ingredienti da miscelare: una buona marmellata, zucchero, frutta disidradata e della frutta secca che dona quel tocco di croccantezza in più che non può mancare. E poi le mele, come dimenticarsene?
Insomma, io ve lo dico: non è un dolce leggero ma è calorico e per questo è invernale, natalizio, ricco e corposo.

Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 25 minuti
Numero persone: 6 (per sei fette)

Ingredienti

    1 rotolo di pasta sfoglia rotondo o quadrato
    2 mele
    30 grammi di albicocche disidratate
    30 grammi di uvetta
    1 fico secco
    30 grammi di noci (al netto del guscio)
    4 cucchiai di marmellata di albicocche
    3 cucchiai di miele
    2 cucchiai di vino rosso
    1 cucchiaino di cannella in polvere
    zucchero di canna
    1 cucchiaio di zucchero
    zucchero a velo (opzionale)

Sminuzzate le albiccche e il fico secco e mettete tutto da parte in una ciotola aggiungendo il vino per ammorbidire la frutta. Sbucciate le mele, tagliatele a dadini e aggiungetele alla frutta secca. Nella stessa ciotola versate anche l’uvetta e le noci tritate grossolanamente quindi il miele, 2 cucchiai di marmellata di albicocche e la cannella in polvere; mescolate tutto con un cucchiaio e alla fine dolcificate ancora usando zucchero di canna a piacere (io di solito su queste dosi aggiungo solo un cucchiaio di zucchero che rende il sapore ancora più caratteristico).
Accendete il forno e scaldatelo a 200°; foderate una teglia con carta forno da far aderire alla teglia usando poco olio da versare sui lati in modo che la carta non scappi nell’adagiare lo strudel.
Srotolate la pasta sfoglia e tiratela un pochino con un mattarello in modo da assottigliarla quindi spalmate sulla superficie della sfoglia i due cucchiai di marmellata rimasti lasciando vuoti i bordi. Versate tutto il mix al centro della sfoglia quindi arrotolate la pasta in modo tale da chiudere del tutto il ripieno all’interno: i bordi esterni, una volta chiusi, saranno quasi sicuramente un ammasso informe di pasta sfoglia quindi vi consiglio di ritagliarli con un coltello in modo da alleggerire lo strudel.
Adagiate, facendo attenzione a non romperlo, lo strudel sulla teglia, spolverate con zucchero bianco e infornate a 160° per 10 minuti; trascorsi i 10 minuti alzate la temperatura a 180° e lasciate cuocere fin quando la superficie dello strudel diventa dorata quindi sfornate, lasciate raffreddare e servite a fette cospargendo di zucchero a velo o così com’è per gustarne tutto il sapore.
Accompagnatelo con una pallina di gelato alla vaniglia oppure con una crema calda leggera e vedrete che merenda… se lo regalate vi basterà impacchettarlo per bene con della carta trasparente, chiudere con un fiocco gigante rosso, aggiungere un bigliettino e il gioco è fatto: massima resa e pochissima fatica, provare per credere!

Preparazione dello strudel
Preparazione dello strudel

di Veruska Anconitano