Torta crudista di carote

Articolo scritto da Marzia del blog La Taverna degli Arna
Cerco sempre quando preparo una ricetta crudista di immedesimarmi in coloro che vorrebbero provare e che sono inesperti o che non hanno in casa tutti gli elettrodomestici che potrebbero supportarli.
In rete si iniziano a trovare diverse preparazioni crudiste che richiedono però l’utilizzo di estrattori, essiccatori, germogliatori e così via.
Con le mie ricette, semplici e pratiche cerco quindi di permettere a chiunque di realizzare gustosi piatti crudisti, come per questa torta crudista a base di carote.

torta_crudista_alle_carote_3_copia
Torta di carote – ricette e fotografie di Marzia Riva

Ovviamente se disponete di un estrattore di succo, di una centrifuga e di un mixer molto potente riuscirete a guadagnare del tempo nella realizzazione della ricetta per realizzare la torta crudista di carote e anche l’effetto finale ci guadagnerà.
A livello di gusto, anche con strumenti che abbiamo quotidianamente in cucina e con un pizzico di abilità e astuzia non troverete alcuna differenza.
Non ci sono scuse quindi per non preparare questa torta crudista di carote e assaporare il gusto pieno e vivo delle carote, addolcite dai datteri e dal burro di cacao crudo.
Quest’ultimo è facilmente reperibile nei negozi biologici ben serviti, in alcune erboristerie che trattano alimentazione naturale e in internet nei negozi online specializzati.

torta_crudista_alle_carote_copia
Torta di carote – ricette e fotografie di Marzia Riva

Dosi:

per 6 persone

Tempi di preparazione:

20 minuti circa

Tempi di cottura:

nessuna

Cosa ti serve:

Coltello, tagliere, pelapatate, centrifuga o estrattore di succo oppure una grattugia, anello da torta, canovaccio leggero, tazzina, frullatore, ciotola

Ingredienti:

2 carote di media dimensione
1 dattero medjool
25 gr di cacao crudo
2 cucchiai di farina di mandorle
mandorle pelate

torta_crudista_alle_carote_1_copia
Torta di carote – ricette e fotografie di Marzia Riva

Procedimento:

Pelare le carote, pulirle e grattugiarle con una grattugia.
Mettere la polpa ottenuta in un canovaccio leggero o un fazzoletto ampio, e spremere con le mani per togliere tutto il liquido. Nel caso siate provvisti di una centrifuga o estrattore di succo a freddo, estrarre il succo dalle carote e conservare la polpa di scarto.

Riporre la polpa ottenuta e ben asciutta in una ciotola.

In una tazzina mettere il cacao crudo e farlo disciogliere a bagnomaria in acqua calda, ma non bollente (massimo 35 gradi) oppure su un termosifone accesso.

Quando il cacao sarà completamente disciolto, versarlo sulla polpa di carote e aggiungere la farina di mandorle.

Frullare con pochissima acqua il dattero medjool fino a ridurlo in purea e aggiungerla al composto di carote, avendo cura di tenerne da parte un cucchiaino.

Impastare la polpa di carote con la crema di datteri, il cacao sciolto e la farina di mandorle fino ad avere un impasto liscio e omogeneo.

Trasferire l’impasto in un anello da pasticceria, livellarlo bene e metterlo a riposare in frigorifero fino al momento di servire.

Poco prima di servire il dolce, estrarlo dal frigorifero e metterlo in un piatto da servizio decorandolo con alcune mandorle e la crema di datteri.

Un consiglio: per velocizzare e omogeneizzare meglio il composto, una volta estratto il succo trasferire la polpa di scarto nel mixer e aggiungere la farina di mandorle, il burro di cacao liquefatto, il dattero e poca acqua. Azionare a intermittenza il mixer fino a ottenere una crema fluida e omogenea da trasferire in un anello.
Se non avete l’anello da pasticceria potete mettere l’impasto in una teglia apribile, meglio di silicone, oppure coperta da carta da forno in modo tale da estrarla agevolmente.

di Redazione