Riposarsi sull'amaca: relax irresistibile fra i colori del Sud America

Anche chi vive le vacanze estive intensamente dall’alba al tramonto non può rinunciare a un piacevole momento di relax. Niente di meglio che stendersi su un’amaca e lasciarsi cullare dolcemente, magari vicino al mare o al fresco tra gli alberi, per sonnecchiare dondolando o leggere un buon libro.

Originaria dei paesi tropicali, l’amaca un tempo era spesso tutto ciò che un contadino sudamericano possedeva e veniva portata sempre con sé, grazie alla sua leggerezza e praticità.
Oggi invece le amache sono appese in tanti dei nostri giardini, regalando una nota di colore e originalità. Ce ne sono di tantissimi tipi e materiali, personalmente trovo quelle del Nicaragua irresistibili per i colori accesi e la tipica lavorazione a crochet.

Amaca del Nicaragua
Amaca del Nicaragua

Certo non sono meno belle quelle di rete leggera e resistente del Messico o del Brasile, spesso di colore pastello e sulle quali, diciamolo, è un po’ più difficile accomodarsi dal momento che non sono tenute aperte all’estremità e si avviluppano intorno al corpo solo nel momento in cui ci si siede sopra. Credo che il segreto sia di procedere cautamente senza darsi troppo slancio o… si rischia di ribaltarsi!

Credit Barbara Eckstein
Credit Barbara Eckstein
Credit Nick Lucey
Credit Nick Lucey

Che sia l’evocazione di un’immagine di altre latitudini, dai colori caldi e vividi o di una fresca pausa sul mare, sdraiarsi su di un’amaca è sempre divertente e riposante.
E a quanto pare è irresistibile proprio per tutti!

Credit Massimo Ricci
Credit Massimo Ricci
Amaca del Nicaragua
Amaca del Nicaragua
Amaca della Colombia
Amaca della Colombia
Credit Bart van Dorp
Credit Bart van Dorp

di Marianna