Ami leggere? Ecco i bookstore che devi visitare in giro per il mondo

Leggere un libro vero (cartaceo)“mantiene in allenamento il cervello e rende più empatici” e comprarlo personalmente (e non online) in un bookstore è piacevolissimo oltre che salutare.

E come disse una volta lo scrittore e fumettista statunitense Dr. Seuss, “più leggerete e più cose saprete, più cose saprete e più posti visiterete.”

Allora, non resta che uscire e andare a cercare il libro del mese, magari perdendosi in un immaginifico bookstore nel mondo.

Yangzhou Zhongshuge. Yangzhou. Cina

L’acqua è la culla di ogni cosa ed la terra coltiva cultura. Yangzhou è nata  in prossimità dell’acqua, è stata visitata da molti letterati e poeti, è amata dagli spiriti ed è costellata di bellezze. Il bookstore nasce qui, così, vicino all’acqua.

Fiumi sul pavimento e nel cielo scorrono in avanti portano i lettori ad approfondire il vasto oceano della conoscenza. Skyline di architetture ad archi proprio come un ponte sopra il fiume ed il senso di mistero è aumentato dalla luce soffusa che accoglie i lettori in uno stato di relax, intimità e magia.

I bambini sono accolti in uno spazio libreria a forma di giocattoli. Ci si sente in un cartone animato.

Book Mountain Spijkenisse. Rotterdam. Netherlands

Questa libreria è stata progettata come un’enorme pubblicità per la lettura. La sua presenza visibile e trasparente è l’invito più grande ad entrare e perdersi tra le parole. I 9.300 m2 del Book Mountain Spijkenisse si trovano sulla piazza del mercato accanto alla storica chiesa del villaggio. Oltre al bookstore, lo spazio ospita il centro di Educazione Ambientale, un club di scacchi, un auditorium, sale riunioni, uffici commerciali e di vendita al dettaglio. I progettisti sono gli illuminati MVRDV.

Panta Rhei & Café Dias. Bratislava. Slovacchia

Panta Rhei è una libreria conosciuta a Bratislava nella Repubblica Slovacca. Café Dias è un caffè che amplifica  l’atmosfera magica del bookloving.

Gli architetti, at26, hanno creato un disegno in linea con il gusto dei clienti abituali e con particolare attenzione alla qualità e all’efficacia della progettazione modulare delle sue parti.

L’intero concetto si basa sulle chiare linee del sistema a scaffalatura che definisce naturalmente lo spazio. I ripiani sono utilizzati anche come un limite tra libreria e caffè, con alcuni segmenti lasciati liberi per le connessioni fisiche e visive.

Lo spazio riservato ai libri per bambini è stratificato verticalmente come una collina ed è una zona ideale per giocare, imparare e trovare nuovi amici ed eroi. L’atmosfera è quella di un ambiente familiare che stimola incredibilmente l’immaginazione.

soda.BERLIN. A stage for visual culture. Berlino. Germania

soda.BERLIN è una libreria per la cultura visiva, nel cuore di Berlino, progettata da Desinliga. E’ un piccolo negozio diventato rapidamente punta di riferimento per amanti del genere. La maggior parte dei clienti lavora nel mondo del design, sempre alla ricerca di shock, news e stimoli. La filosofia è quella di massimizzare il minimalismo del design.

Biblioteca Can Manyer. Vilassar de Dalt. Spagna

Questa elegantissima libreria si trova nel magazzino Can Manyer, un vecchio stabilimento tessile del XIX secolo. La libreria è su due piani: il piano terra è caratterizzato dal sistema strutturale di pilastri e “volta catalana”, e il piano superiore da un sistema a travi. Son state lasciate in memoria storica, alcune macchine dell’azienda tessile che si sposano benissimo con l’ambiente luminoso ed accogliente. Splendida la pavimentazione in marmette colorate.

Il progetto è dei DFT arquitectos.

di Mirella Ippolito