Come pulire i termosifoni

Ci siamo, ormai l’estate dovrebbe essere in dirittura d’arrivo: anche se negli ultimi giorni abbiamo avuto un tempo non proprio gradevole e primaverile (faceva proprio freddo!), ecco che ben presto le temperature saliranno. Se avete già fatto le pulizie di primavera, di sicuro avrete lasciato indietro un elemento fondamentale di ogni casa, il termosifone: eh sì, c’è chi li ha ancora accesi, almeno la sera, negli ultimi giorni. Adesso, però, è giunto quel momento: come si puliscono i termosifoni?

Se durante l’inverno abbiamo dato una semplice passatina per eliminare la polvere in eccesso, ecco che, una volta finita la stagione dei riscaldamenti in casa, è bene effettuare una pulizia più profonda. Non è solo questione di igiene della casa e di qualità dell’aria: ne va anche del funzionamento dei termosifoni stessi. Quindi meglio sapere come fare.

Per pulire i termosifoni in ghisa e in metallo potete usare l’aspirapolvere, con l’apposito beccuccio per poter raggiungere anche gli angoli più nascosti. Così toglieremo tutta la polvere velocemente. Anche il phon è utile: posizionate uno straccio bagnato dietro così la polvere andrà ad appiccicarsi lì. Usate però l’aria fredda.

Se avete una vaporella, potrebbe essere utile per togliere polvere e macchie dal termosifone. Molto utile anche per togliere eventuali macchie di muffa. Passate un panno per togliere ogni residuo e avere così termosifoni perfettamente puliti.

I termosifoni si possono lavare con prodotti naturali, ad esempio acqua e sapone di Marsiglia, ma anche semplicemente con acqua calda se non sono tanto sporchi. Di tanto in tanto passate sopra un piumino per togliere la polvere, anche se d’estate ne catturano di meno: il peggio sarà in inverno, quando produrranno tantissima polvere. Ma c’è tempo per pensarci!

di Redazione

  • In questo articolo:
  • Casa