Costanza Algranti: ferro e rame per scolpire la casa

La storia di Costanza Algranti inizia a Livorno, sul mare, dove raccoglie legni di recupero modellati dall’acqua, pezzi di barche, ciottoli, metalli ossidati.
Dopo il trasferimento a Milano e l’apertura del suo laboratorio nel quartiere Isola continua a raccogliere e riciclare materiali di ogni genere, come bancali, grondaie, botti e lamiere. Tra i suoi materiali preferiti, oltre al legno, i metalli e in particolare il ferro e il rame che, assemblati e reinventati danno origine a nuovi oggetti, a nuove storie.

Costanza Algranti. armadio R1. photo Zep Studio
Costanza Algranti. armadio R1. photo Zep Studio

Con i materiali che recupera, Costanza Algranti costruisce tavoli, panche, divani, letti, cucine, oggetti e lampade. La sua idea di arredamento è funzionale, essenziale ma senza per questo rinunciare all’estetica. Anzi! Ogni pezzo è assolutamente unico e l’ossidazione creata dal tempo, dall’acqua, dall’uso precedente, crea sulle superfici metalliche inaspettati effetti decorativi, quasi pittorici.

Costanza Algranti. totem F1, totem R1. photo Zep Studio
Costanza Algranti. totem F1, totem R1. photo Zep Studio
Costanza Algranti. photo AnnaMaria Masera
Costanza Algranti. photo AnnaMaria Masera

Dietro ogni oggetto c’è una storia: quella vissuta in precedenza dal materiale recuperato e quella reinventata apposta da Costanza, che raccoglie ogni pezzo pensando a cosa possa diventare.

Costanza Algranti. tavolo F2. photo Zep Studio
Costanza Algranti. tavolo F2. photo Zep Studio
Costanza Algranti. tavolo F1. photo Zep Studio
Costanza Algranti. tavolo F1. photo Zep Studio
Costanza Algranti. legno, ferro e rame. ph Federica Lazza
Costanza Algranti. legno, ferro e rame. ph Federica Lazza
Costanza Algranti. photo AnnaMaria Masera
Costanza Algranti. photo AnnaMaria Masera
Costanza Algranti. photo AnnaMaria Masera
Costanza Algranti. photo AnnaMaria Masera
Costanza Algranti. armadio L2. photo Zep Studio
Costanza Algranti. armadio L2. photo Zep Studio
Costanza Algranti. Armadio L1, letto L1. photo Zep Studio
Costanza Algranti. Armadio L1, letto L1. photo Zep Studio

di Marianna