L'installazione Harmonic Motion al MACRO di Roma

L’8 dicembre al MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma, si inaugura la settima edizione di Enel Contemporanea, con la grande installazione site specific Harmonic Motion – Rete dei draghi dell’ artista giapponese Toshiko Horiuchi MacAdam.
L’opera, che resterà in mostra per tutto il 2014, fa parte del progetto “public art for kids” dell’artista giapponese: infatti, Harmonic Motion sembra un grande e coloratissimo playground interattivo, pensato proprio per coinvolgere e divertire i bambini.

Harmonic Motion. Foto Roberto Boccaccino
Harmonic Motion. Foto Roberto Boccaccino

L’installazione è interamente realizzata a mano ed è pensata come un’opera d’arte da scoprire e sperimentare, da esplorare divertendosi. Sarà possibile arrampicarsi, saltare e rotolare fra le forme morbide ed elastiche della grande struttura realizzata rievocando la tecnica tradizionale del lavoro ad uncinetto.

Toshiko Horiuchi. Foto Roberto Boccaccino
Toshiko Horiuchi. Foto Roberto Boccaccino

L’artista, seguendo una tendenza ormai abbastanza diffusa, ha creato un’opera che invita a vivere l’arte contemporanea da vicino, coinvolgendo il pubblico in un’esperienza ludica, invitandolo a diventare parte e completamento dell’opera stessa.

Elastica, dinamica e coloratissima, l’opera dell’artista Toshiko Horiuchi si trasforma con la partecipazione dei visitatori, modificando le sue forme, liberando “energia” attraverso i movimenti del pubblico al suo interno.

Harmonic Motion. Foto Roberto Boccaccino
Harmonic Motion. Foto Roberto Boccaccino

La precedente installazione voluta da Enel Contemporanea era stata Big Bambù, un altrettanto grande struttura realizzata in rami di bambù che, come un gigantesco nido, accoglieva i visitatori invitandoli ad arrampicarsi al suo interno liberamente.

Un modo diverso di vivere l’arte, sicuramente divertente ed utile per avvicinare i più piccoli al mondo dei musei.

Harmonic Motion. Foto Roberto Boccaccino
Harmonic Motion. Foto Roberto Boccaccino
Harmonic Motion. Foto Roberto Boccaccino
Harmonic Motion. Foto Roberto Boccaccino
Toshiko Horiuchi. Foto Roberto Boccaccino
Toshiko Horiuchi. Foto Roberto Boccaccino

di Marianna