I gioielli scultura di Natsuko Toyofuku

Natsuko Toyofuku, artista e designer di gioielli, crea delle sculture affascinanti, che talvolta si fanno così piccole da poter essere indossate. Nata a Tokyo, Natsuko Toyofuku si è trasferita in Italia da bambina con il padre Tomonori Toyofuku, scultore d’avanguardia storica e la madre Kazuko, pittrice, crescendo quindi in un eccezionale contesto artistico e culturale.
Le sue creazioni sono visibili nel suo atelier di Milano e oggi si racconta per noi.

Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku

L’incontro tra la cultura asiatica e quella europea in che modo si manifesta nella tua attività di artista e designer di gioielli?

Indubbiamente la cultura giapponese così fortemente caratterizzata dalla linearità, pulizia e rigore
Influenza non poco il mio lavoro, ma il fatto di essere cresciuta in occidente e soprattutto nel paese della creatività per eccellenza ha un ruolo fondamentale. I due caratteri coesistono non sono in contrasto. Amo l’asimmetria, così importante nella cultura giapponese ma anche le forme piene e voluminose tipiche del gusto italiano.

Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku

Sei cresciuta “respirando” l’arte contemporanea internazionale. Quanto è presente questa particolare formazione nelle tue creazioni?

Fin dall’inizio quando penso ad un gioiello, penso a quelli degli artisti. Sono cresciuta ammirando le spille di Lucio Fontana, Giuseppe Capogrossi o di Dalì. Indossate dalle signore. Quindi per me la ricerca formale è sempre stata l’essenza dei miei gioielli, non certo il fatto che siano tempestati di diamanti o perle.

Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku

Nel progettare i tuoi gioielli, quali sono le tue fonti d’ispirazione? E che materiali prediligi per realizzarli?

L’ispirazione l’attingo ovunque; nella natura, nell’arte o negli oggetti quotidiani. I materiali che prediligo sono il bronzo (così materico e mutevole) e l’argento.
Il bronzo è affascinante, è caldo e si ossida velocemente, ma è anche il suo bello.
Io indosso da anni l’anello rosa. Amo le sue parti scure, come i bordi più chiari, perché più danno all’oggetto maggiore profondità di chiaro-scuro.

Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku

Le tue creazioni hanno forme fluide, minimali ma capaci d’imporsi con eleganza. Come vedi l’ornamento nella vita quotidiana?

I miei gioielli sono ornamenti da portare sempre quotidianamente, anche per fare la spesa al supermercato. Dovrebbero essere i compagni della giornata.

Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku

Un progetto recente e uno futuro.

I progetti recenti sono le cinture. Sia le fibbie con le classiche cinture in pelle, sia quelle interamente in metallo fatti con elementi leggeri ma molto decorativi.
Il progetto futuro è ampliare la collezione maschile, per dare anche agli uomini il piacere di indossare anelli, ciondoli e gemelli.

Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku
Natsuko Toyofuku

di Marianna