Il design primordiale di Incipit

Ricerca e sperimentazione, collaborazione tra giovani progettisti e creatività al servizio del business. Tutto questo è Incipit, nata nella primavera del 2013 da un’idea di Roberto Hoz e Marta Bernstein. Più che un’azienda, vuole essere un laboratorio formativo, un nuovo modo di fare impresa, e si propone come “un’azienda di giovani fatta per i giovani, una bottega dove si apprendono le arti e i mestieri dell’essere designer negli anni 2000”. I prodotti, pur con standard qualitativi al pari di una produzione industriale di serie, sono semplici e concepiti con spirito artigianale.

Artico, Incipit
Artico, Incipit

Come azienda, Incipit produce e distribuisce i suoi prodotti attraverso canali di vendita tradizionali (showroom, temporary shop, ecc.) e piattaforme di e-commerce attraverso il web.

Bloom, Incipit
Bloom, Incipit

Ma questa realtà è anche e soprattutto laboratorio concepito come una bottega contemporanea: un percorso di apprendistato in cui tutti collaborano alla riuscita dei progetti, ognuno secondo le proprie competenze.

Clip, Incipit
Clip, Incipit

I giovani designer che vogliono trasformare le loro idee in progetti reali, superando le tradizionali realtà aziendali e il mercato ma anche la reciproca incomunicabilità, possono unirsi e attraverso Incipit partecipare a un progetto collettivo basato su un modo nuovo di fare business, per esempio attraverso l’uso di campagne di crowdfunding, ossia forme di finanziamento dal basso.

Muselet, Incipit
Muselet, Incipit

Nella sua collezione di debutto, il collettivo presenta una serie di oggetti e complementi per ambienti domestici e lavorativi dall’aspetto multiforme e giocoso, dalle forme nitide e i materiali semplici, di origine naturale e lavorati tramite processi non aggressivi con l’ambiente. Oggetti caratterizzati da uno spirito ludico, da reinventare ogni giorno lasciando libero spazio alla propria immaginazione.

Louis, Incipit
Louis, Incipit

di Alessia Fabbri