Kubedesign
Kubedesign
Kubedesign

La presenza del cartone come materiale privilegiato nel mondo del design informale ed ecocompatibile si va consolidando. Ormai per quel che riguarda i mobili di carta non siamo più alla “novità”: la ricerca tende ora piuttosto ad una definizione delle forme volta a perfezionare i prodotti in termini di funzionalità e comfort, con risultati che vedono la realizzazione di complementi sempre più curati, sia nel dettaglio che nelle prestazioni.

In questa direzione si muove il marchio Kubedesign, la cui ultima collezione disegnata da Roberto Giacomucci esplora le potenzialità del cartone come materiale forte e resistente.

Addio alla dozzinalità dei primi tentativi di design in cartone: questa linea di arredi ha un aspetto elegante e spiritoso al tempo stesso, come nel caso di Akira, la postazione di studio/lavoro a forma di casetta, la poltrona Clorinda, ricoperta di un sottile film impermeabile, Edoardo, il comodino dorico, Bunzo & Izumo le librerie in cui i libri si gettano nelle scatole, o il tavolino Crisanto, con il portariviste incorporato.

Akira - Kubedesign
Akira – Kubedesign
Edoardo e Clorinda - Kubedesign
Edoardo e Clorinda – Kubedesign
Crisanto - Kubedesign
Crisanto – Kubedesign
Bunzo e Izumo - Kubedesign
Bunzo e Izumo – Kubedesign
Continua a leggere

Un adesivo per trasformare il legno compensato in un progetto fai-da-te

Continua a leggere

A caccia di una scrivania (o un tavolo?) di design

Iscriviti al feed design