La foto più bella dell’anno, un paesaggio

 

Perché si fotografa il paesaggio? Per catturarne l’essenza più vera? Per congelarne la bellezza? Un’emozione? O per immergersi nella natura e aspettare ore e ore il momento perfetto. La storia dell’arte del paesaggio è così ampia che le interpretazioni sono infinite ed è così che nasce l’International Landscape Photographer Of The Year.
E’ un concorso rivolto a fotografi professionisti e amatoriali, una competizione fotografica che in quest’edizione ha ricevuto 2.604 portfolio. Le 101 più belle immagini di paesaggi fanno parte di un libro disponibile in vari formati e anche in e-book.

Il vincitore di quest’anno è il fotografo australiano Luke Austin che ha lavorato su paesaggi avvolti in atmosfere certe volte oniriche e altre di potente violenza naturale. Scorci d’Australia, di Canada, di Nuova Zelanda e degli Stati Uniti d’America negli scatti e la scelta è sempre quella del minimalismo, dell’ordine e di pochi elementi protagonisti con miliardi di sfumature.
Austin ha portato a casa un premio di $ 5.000.

Vediamo le sue foto e una selezione di quelle di altri partecipanti all’evento.

Luke Austin
Primo premio. @Luke Austin

Qui le 101 fotografie selezionate e il link per la versione eBook.

slide_448754_5984410_free
International Landscape Photographer Of The Year. @Luke Austin

 

 @Luke Austin
International Landscape Photographer Of The Year. @Luke Austin

 

International Landscape Photographer Of The Year
Secondo classificato. @Ricardo Da Cunha

 

Warren Keelan
Terzo classificato. @Warren Keelan

 

slide_448754_5984408_free
International Landscape Photographer Of The Year

 

2015001496
THE 2015 LONG EXPOSURE AWARD: GRANT GALBRAITH

 

slide_448754_5984416_free
THE 2015 SNOW & ICE AWARD: JON MARTIN

 

THE 2015 ABSTRACT AWARD: THIERRY BORNIER
THE 2015 ABSTRACT AWARD: THIERRY BORNIER

 

slide_448754_5984426_free
THE 2015 MIST & FOG AWARD: GUNAR STREU

 

WARREN KEELAN/THE INTERNATIONAL LANDSCAPE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR
THE INTERNATIONAL LANDSCAPE PHOTOGRAPHER OF THE YEAR. WARREN KEELAN

 

 

di Mirella Ippolito