La street art di NeSpoon: gioielli di pizzo in spazi abbandonati

La street art in questi ultimi anni ha contribuito a cambiare la nostra percezione degli spazi pubblici, ponendoci in una riflessione sulla proprietà dei luoghi, sulla loro fruizione nella vita quotidiana, sul nostro coinvolgimento nel creare bellezza nelle città.

NeSpoon è una street artist polacca che utilizza diversi mezzi e uno in particolare fa sì che la sua arte sia qualcosa di poetico, ironico e sorprendente: il pizzo. Sia che utilizzi veri lavori di pizzo e creazioni all’uncinetto per le sue installazioni, o che usi le forme per lasciarne l’impronta dipinta con gli stancil, NeSpoon regala la sua idea di bellezza in spazi urbani abbandonati, nella natura e in giro per il mondo.

Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon

La street artist reinventa una funzione artistica e sociale per quest’antica tradizione artigianale polacca, creando uno stile davvero unico, delicato e molto personale, distinguendosi dalle forme più diffuse di street art.

Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon

A volte i suoi lavori, così puliti e sofisticati, creano un forte contrasto con l’abbandono e il grigiore dei luoghi urbani dismessi dove vengono installati, ma altre volte si inseriscono nel contesto con incredibile naturalezza, aggiungendo bellezza. Come nella sua installazione nel Sinai, dove ha decorato il riparo di Sajid, un senzatetto che vive sulla spiaggia; o sulle spiagge di Goa, dove i suoi pizzi si protendono tra le barche dei pescatori come reti meravigliose. Mentre in Tunisia, a Djerba, ha creato dei murales che riprendono le decorazioni tipiche nordafricane.

Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon
Foto: NeSpoon

di Marianna