Lisa Corti: tessuti e arredi tra Occidente e Oriente

Lisa Corti - Home Textile Emporium
Lisa Corti – Home Textile Emporium

C’è un negozio a Porta Venezia a Milano di quelli che se li vedi non li scordi più. Attraverso le grandi vetrate che si affacciano su Via Lecco, l’emporio di Lisa Corti appare in un trionfo di tessuti e oggetti ornamentali, arredi di stampo orientale e coloniale, disegni dipinti a mano sui pavimenti.

L’emporio è ricavato negli spazi di un ex convento del XVII secolo e comprende 800 mq tra negozio, laboratorio, uffici e magazzino, in un’esplosione di luci e colori: un vero e proprio laboratorio creativo in cui si trovano macchine da cucire a fianco di computer e tavoli da disegno. La “sacralità” dello spazio fa da contraltare ai prodotti dal gusto esotico e raffinato di questo “Home Textile Emporium”, le cui stoffe, d’ispirazione indiana e africana, sono rielaborate nel design in maniera del tutto originale da Lisa Corti.

Cotone, mussola, malmai, lana, seta, stoffa zari, mushroo, ikat, bandhani, khadi, chintz, calicò: sono questi i vari tipi di tessuti che vengono utilizzati nella creazione del mondo Lisa Corti.

L’antica tecnica della stampa manuale su tessuto (blockprint) è utilizzata per creare il pattern dei mezzeri, che possono essere utilizzati in vario modo a seconda della creatività del cliente: come elemento d’arredo, come copriletto o copri divani, tappezzeria, tovaglia, arazzo o tendaggio. Lisa Corti esplora anche il variopinto mondo dei mandala – un tipo di disegno geometrico usato nella pratica religiosa come strumento di meditazione ma anche come planimetria per la costruzione dei templi – come modello per tappeti, quilts, arazzi, stendardi, murali e altre forme. E ancora tende, cuscini di forme diverse (in particolare quelli a rullo, ispirati alla tradizione ornamentale Moghul e Rajput), una collezione di abbigliamento e accessori fatta di kaftani di organza, kurta di mussola, borse, cinture ecc…, e infine una linea di arredo per la casa in cui spiccano le ceramiche blu di Jaipur e la “Compagnia dei letti”: complementi di arredo ispirati alla tradizione del mobile orientale.

Un mondo affascinante tutto da scoprire.

di Alessia Fabbri