No alla violenza sulle donne!

No violence against women
No violence against women

Cade una triste ricorrenza, oggi, la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, indetta dall’Assemblea generale della Nazioni Unite per invitare istituzioni e organismi internazionali a promuovere attività ed eventi per accrescere la consapevolezza dell’opinione pubblica su questo tema.

Perché sembra assurdo, ma la violenza sulle donne non è in calo, bensì in aumento. Solo in Italia secondo una ricerca della Casa delle donne di Bologna, nel 2010, rispetto al 2009, i casi di femminicidio (omicidi che hanno come vittima una donna) in Italia sono cresciuti del 6%, con 127 casi.

Le cifre sono allarmanti: sempre in Italia una donna su tre, un numero davvero impressionante, è stata vittima di violenza da parte di un uomo almeno una volta nella propria vita. E sappiamo bene che la violenza sulle donne non ha passaporto, al contrario di quanto certi media e certi politici vorrebbero lasciar credere. Ci sarebbe da chiedersi quanto tutto ciò sia legato al venir meno di un certo tipo di “virilità” maschile nella nostra società, ma in fondo ogni caso è singolo e le generalizzazioni mi spaventano un po’.

Per quanto alternativo possa essere questo nostro webmagazine, le parole che userei per descrivere cosa penso di questi uomini proprio non le posso pubblicare. Solo vorrei dire a chi subisce queste violenze: siete vittime, non colpevoli. Denunciatelo. E subito.

The violence of flower, di Carnegriff
The violence of flower, di Carnegriff

di Alessia Fabbri