Street art in miniatura: The Little People Project di Slinkachu

A prima vista possono apparire come situazioni familiari, ma a guardar bene c’è qualcosa di strano. Sì perché i personaggi nelle ambientazioni del “Little People Project” del giovane artista londinese Slinkachu, sono, neanche a dirlo, tutti in miniatura, e, inseriti nello spazio urbano e nel contesto della “realtà”, sembrano coglierne gli aspetti più imbarazzanti e contraddittori.

Sullo sfondo di un paesaggio metropolitano, un mondo visto dal basso, nel dettaglio, che ci restituisce con ironia e un certo tono provocatorio la visione di un’umanità alle prese con i propri sentimenti e… con lo smaltimento dei rifiuti. Ma quanta poesia c’è in questo cambio di prospettiva?

La ragazza con le borse dello shopping in mano che si trascina dietro le pesanti etichette dei grandi marchi acquistati, la sposa in attesa seduta malinconicamente sulla cassetta della posta, il viaggio su una canoa fatta con un tappo di bottiglia, il Papa che predica davanti a una cappella fatta di una lattina di Coca Cola, gli addetti alla rimozione degli escrementi di cane, il mozzicone di sigaretta eretto a monumento didattico di un passato che non è ancora passato…

Le installazioni di strada e le fotografie di Slinkachu hanno iniziato il loro viaggio in giro per il mondo nel 2006 e da allora invadono marciapiedi, parchi e metropoli da Londra a New York, senza trascurare le altre capitali occidentali, quindi… stai attenta a dove metti i piedi!

di Alessia Fabbri