La proposta di matrimonio non arriva: come convincere il tuo fidanzato a sposarti?

Articolo scritto da Claudia del blog Diariodime

Avete trovato il grande amore, siete innamorati come due piccioncini, vi promettete ogni giorno di non lasciarvi mai, magari avete anche comprato casa insieme… e allora, fatto 30, cosa ci vuole a fare 31?!

Questo è quello che vi chiedete, voi, aspiranti sposine fin dai tempi dell’infanzia, cresciute guardando Cenerentola e sognando il vostro matrimonio tanto che una volta ricevuta la proposta, potreste organizzarlo in una settimana! Ma niente, il vostro lui non ci arriva.

wedding-407487_640

A nulla sono servite le vostre frecciatine, del tipo: “Amore, quest’anno siamo invitati a sei matrimoni. Dico, sei! Praticamente manchiamo solo noi a sposarci”.

Lui: “Sei?! Cheppalleee… spero almeno che siano di pomeriggio”.
Avete cercato di mandargli segnali obbligandolo a guardare con voi in tv tutti i programmi dedicati alle spose e ai matrimoni, a volte lasciando anche qualche rivista di settore abbandonata per casa.
Ma niente. Neanche si accorgeva delle riviste. Trasparenti proprio.
E sapete perché? Perchè è un uomo. Non è fatto per notare i dettagli, leggere fra le righe, afferrare le nostre sottigliezze.

Noi che siamo donne, sì. Ci accorgiamo subito se una nostra collega viene al lavoro coi capelli spuntati di mezzo centimetro. Loro, nemmeno se si presenta con la cresta viola.

Per cui inutile cercare gli farli girare intorno.

“Amore, dove ti piacerebbe andare in viaggio di nozze?”

“Mah, non so… alle Maldive?”

“Perfetto, concordo. Quando prenotiamo?”

“?? Cara, ma noi non stiamo mica per sposarci…”

(toc, toc, c’è nessuno?) sospiro “Oh, che sciocchina, hai ragione!
Quindi, quando ci sposiamo?”

May-day, may-day! Allarme rosso! Ecco che alla domanda “quando ci sposiamo?” il cervello di un uomo va in tilt. A qualcuno appare anche una scritta sulla fronte: “Unknown error, please reset”.

E come per un pc, vi tocca spegnerlo e riaccenderlo per farlo tornare a funzionare. Peccato che avrà già dimenticato la vostra domanda.

Per cui, a parte quelle poche fortunate che sono fidanzate con un inguaribile romantico che regala loro fiori e cioccolatini tutte le sere, e che non vede l’ora di sposarle, per tutte le altre aspiranti sposine, l’unico modo rimane quello di parlare molto chiaramente e in maniera elementare.

E magari farli sentire anche un po’ in colpa (ebbene sì, in questo caso giocare sporco è consentito!):

  • Ora, a me, che io sia la tua fidanzata non mi sta bene. Proprio per niente. Che, mi vuoi mettere sullo stesso piano di tutte le tue ex? Uno, nella vita, di fidanzate ne può avere tante, ma di moglie una sola! E io voglio essere quella sola. Categoria superiore. Di essere allo stesso livello delle altre, non mi accontento.
  • E poi, non sei mica più tanto giovane, sai. Uno a 20 anni può dire che ha la fidanzata, ma mica può andare avanti per tutta la vita. A 50 mi devi chiamare ancora fidanzata?
    E non provare a chiamarmi compagna! Compagna di che? Di scuola? Di merende?

    Compagne ce ne sono tante, la moglie indica una sola cosa. È moglie e basta.

    E se vi sentite proprio cattivelle, andate giù più pesante: e poi, quando sarai vecchio, con la dentiera, la prostata, e ti dovrò accompagnare al pronto soccorso perché non starai bene, sarò ancora la tua fidanzata? Magari non mi fanno neanche entrare in sala operatoria con te, se non sono tua moglie!

    Così, giusto per dargli un’immagine ancora più spaventosa del matrimonio, che magari inizierà a non sembrargli più poi così brutto…

Ci hanno rovinate, coi film romantici in cui lui, abbigliato in giacca e cravatta, elegantissimo, si inginocchia davanti a lei, al tavolo di un prestigioso ristorante, con tutti gli altri commensali pronti a batter loro le mani e piangere di gioia, mentre lui le mostra un anello di diamanti chiedendole “mi vuoi sposare?”.

E ci hanno rovinate anche con tutti quei filmati su youtube in cui il fidanzato di turno organizza un flash mob che coinvolge tutto il paese, gli animali, le piante, e tutti ballano e cantano mentre lui le chiede amore eterno.

Ecco, no. Dimenticatevelo.
E siate felici se invece vi chiederà in spose mentre sarete a far merenda da Mac Donald’s, con l’anello di plastica trovato nell’Happy Meal, e voi non sentirete neanche la sua proposta perché sarete circondati da bambini che urlano e giocano nelle vasche di palline colorate lì a fianco.

Amatevi, e siate felici!

Wedding_plan

di Redazione