Mazda: dalle auto agli abiti

La storia di Mazda è stata costellata dal superamento di sfide.
E sfidare le convenzioni vuol dire essere fuori dal coro.

Questo approccio richiede grande creatività e il coraggio di andare contro corrente. Mazda lo fa tutti i giorni, e ha un immenso rispetto per chi condivide questo stesso atteggiamento. Questo è il motivo per cui la casa automobilistica ha istituito una comunità Mazda chiamata “Ribelli con una causa”, una piattaforma di incontro per chi vuole sfidare le convenzioni per condividere idee ed esperienze a sostegno di persone e progetti che si aspirano a fare del mondo un posto migliore.

Mazda si è spinta oltre, applicando e trasferendo il tema stilistico KODO – Soul of Motion, che definisce la sua nuova generazione di veicoli, a settori come la moda e l’arredamento.

Uno dei primi prodotti è stato un complemento di arredo stilisticamente molto provocatorio, una sedia chiamata appunto KODO Chair. Come le vetture Mazda, anche questo oggetto esprime chiaramente il movimento – nonostante sia qualcosa di statico. E come le vetture, la futuristica KODO chair trasmette anche la cura del dettaglio che i suoi progettisti intendono come il vero senso del Giappone.

La KODO Chair fa parte di una più ampia collezione di design Mazda che verrà presentata ad Aprile durante la Settimana Milanese del Design presso il Mazda Design Space.
La collezione comprende anche i risultati di una rivoluzionaria incursione di Mazda nel mondo della moda con un progetto sviluppato in collaborazione con Vogue Italia.

L’azienda si è interessata ad una giovane generazione di stilisti di vedute originali e a brand emergenti: il designer giapponese Yasutoshi Ezumi e “COMEFORBREAKFAST”, un marchio ideato dal duo della moda italiana Antonio Romano e Francesco Alagna. L’idea era quella di creare simbolicamente un ponte tra Oriente e Occidente, due scuole che avvicinano il design e la bellezza in modo diverso, ma per certi aspetti allo stesso tempo sono molto simili. Ad esempio, condividono entrambe la passione per i dettagli e l’armonia di forme, materiali e colori.

Per quanto riguarda le creazioni di questi designer, Ezumi ha messo a punto un abito che fa un uso innovativo sia dei colori che dei materiali – legno, pelle e poliestere – a simboleggiare la ricerca di forme naturali perfettamente sintetizzate – una soluzione ideale in accordo con la filosofia stilistica KODO. Romano e Alagna, nel frattempo, uniscono sapientemente il concetto di design di Mazda con lo stile “COMEFORBREAKFAST” , il tutto concentrato in un abito nero asimmetrico oversize, volto a creare un effetto tridimensionale molto intrigante.
Entrambe queste realizzazioni dimostrano quanto bene il KODO si possa tradurre in moda, e di quanto Mazda possa rappresentare una vera e propria fonte d’ispirazione.

di Eliana Avolio

  • In questo articolo:
  • News