Checco Zalone accusato di plagio

Checco Zalone è stato accusato di plagio.
“La trama del film di Luca Medici, alias Checco Zalone, intitolato ‘Sole a catinelle‘, sembrerebbe appartenere al ventiduenne tarantino Alex De Vietro”.
A denunciarlo è l’avvocato Fabrizio Lamanna, che ha presentato un esposto alla procura della Repubblica di Taranto, dopo avere ricevuto mandato dallo scrittore, di accertare e valutare situazioni effettive di plagio.
Alex De Vietro, tramite il suo avvocato, si dice “fortemente danneggiato, in quanto privato della possibilità di riprodurre la sua opera ad altri soggetti”.

zalone-e-dancs-2t6b2083
Scena del film: Sole a Catinelle

Comparando lo scritto del ventiduenne di Taranto alla sceneggiatura del film di Zalone, spiega l’avvocato, “emergerebbero almeno tre atti che possono definirsi individualizzanti dell’opera stessa: la scena del protagonista che ricerca le offerte di lavoro su un giornale, la professione di venditore porta a porta, il divieto di accesso dei consulenti porta a porta”.

L’accusa di plagio non è pertanto legata all’intera trama, ma alle solo 3 scene incriminate, alle quali si fa riferimento in modo molto generico.

Tempestiva la risposta di Checco Zalone che ironizza su Facebook:
“Quindi cari sceneggiatori, se scrivete una storia in cui il protagonista alla fine muore, sappiate che i diritti sono dei signori Marco, Matteo, Luca e Giovanni”.

Checco Zalone
Pagina Facebook di Checco Zalone

 

di Eliana Avolio