Gasparri insulta una ragazza minorenne per il suo peso!

Il rapper milanese Fedez, dopo la canzone scritta per il Movimento 5 stelle, rimane al centro dei pensieri di molti politici italiani.
Tutto ha inizio ad ottobre, quando si scatenano le critiche, da parte di due deputati del Pd nei confronti di Fedez, colpevole di aver scritto Non sono partito come inno per il M5S.
E domenica scorsa in particolare, si è aperto un nuovo duro scontro via twitter con il senatore Maurizio Gasparri.
In seguito ad un messaggio di un utente che aveva postato l’immagine del rapper con il cartello: «#Stopinvasione della Lega Nord! Io accolgo migranti in casa. Gratis!» (una bufala in quanto il messaggio originale sul cartello diceva solo: #stopinvasione della Lega Nord a Milano), Gasparri ha attaccato il rapper cinguettando: «Cioè questo coso dipinto ha avuto qualcosa da ridire?». E poi: «Indubbiamente quel #cosodipinto ispira pena, si fa orrore e si nasconde a se stesso». E ancora: «Uno che tratta così il suo corpo chissà come ha trattato il cervello, credo sia già una gioia non essere ridotti come lui».


Tempestiva arriva la risposta di Fedez: «Caro Gasparri, io sono sporco all’esterno, ma giudicare le apparenze è l’atteggiamento tipico di chi è sporco dentro».
La miccia incendiaria esplode quando una ragazza tweetta in difesa del cantante: «Caro Gasparri il coso colorato è una persona pulita e umile, a differenza tua che sei sporco e te lo credi perché sei un deputato».

La risposta di Gasparri è però apparsa molto simile ad un insulto, con riferimento all’aspetto della ragazza: «Meno droga, più dieta, messa male».
In soccorso della fan arriva il rapper stesso che con un tweet mette a tacere il senatore: «Che il vice presidente del Senato Maurizio Gasparri mi insulti per il mio aspetto, esibendo un’ignoranza e dei limiti intellettuali imbarazzanti per un uomo nella sua posizione, mi importa poco. Non mi sorprende. Che l’Onorevole usi i medesimi metodi squallidi, prepotenti e vessatori nei confronti di una ragazzina però, mi fa sinceramente paura».
Inutile dire che il tweet di Gasparri ha scatenato le reazioni di sdegno di molti utenti del social network.

di Eliana Avolio