Stealthy Freedoms of Iranian women: su Facebook le donne iraniane senza velo

Stealthy Freedoms of Iranian women
Stealthy Freedoms of Iranian women

Se spesso mi imbatto nelle idiozie che girano sui social media rimanendo perplessa sull’utilizzo della rete, leggere di pagine Facebook come Stealthy Freedoms of Iranian women rimette tutto nella giusta proporzione. Un angolo di libertà “clandestina” (stealthy) delle donne iraniane che postano foto con il velo (hijab) sceso dalla testa, sulle spalle, in vita, mosso dal vento come una bandiera di libertà ma lontano dalla testa. Sono giovani donne, madri, nonne, studentesse dell’Iran di oggi, in cui nonostante dall’imposizione a seguito della Rivoluzione islamica del 1979 le dimensioni del velo e il modo di portarlo siano state minimizzate, l’obbligo permane e non osservarlo comporta addirittura l’arresto.

foto - Stealthy Freedoms of Iranian women
foto – Stealthy Freedoms of Iranian women

L’iniziativa è partita lo scorso 3 maggio dalla giornalista iraniana Masih Alinejad, esiliata nel 2005 e residente in Inghilterra, generando l’adesione delle tante donne iraniane, di nascita e residenza, che con il loro gesto si espongono pubblicamente. In pochi giorni Stealthy Freedoms of Iranian women ha raggiunto ca. 130.000 mi piace, diffondendo i momenti di libertà “clandestine” delle donne iraniane. In Iran l’uso di internet e molti social media, tra cui Facebook e Twitter sono bloccati dal 2009, quando vennero usati per diffondere notizie sulle proteste contro il regime durante le elezioni. Il blocco di Facebook e Twitter viene aggirato dagli utenti iraniani usando delle VPN, reti internet private non accessibili a tutti ma per ora in grado di far sentire ancora la voce di parte della popolazione. La prossima volta che qualcuno vi invita a giocare a Candy Crush Saga e pensate di chiudere il vostro account Facebook, ricordatevi di pagine come Stealty Freedoms of Iranian Women.

foto - Stealthy Freedoms of Iranian women
foto – Stealthy Freedoms of Iranian women

di Ilaria Danesi