Laetitia Casta: "Non ho lasciato io Accorsi, è stato lui"

Laetitia Casta si racconta a Vanity Fair, che le dedica la copertina di oggi, e parla per la prima volta della rottura con Stefano Accorsi dopo dieci anni di vita insieme. Dalle sue parole si capisce che ha sofferto molto e che la decisione della rottura definitiva non è stata sua:
Rompere con un uomo ti obbliga a ricostruirti, a crescere. Ti costringe a voltare pagine essenziali e a rimetterti in gioco. Siamo fatti di rotture e ricostruzioni: io, almeno, sono fatta così. Provo dolore all’inizio, ma devo sempre toccare il fondo per risalire.
A farti male non è mai il dolore dell’ultima storia ma quello che hai provato prima, nell’infanzia. L’ultimo abbandono è come una puntura di richiamo, ma il vaccino lo hai fatto da piccola. Crescere vuol dire imparare a gestire il disagio, perché diventi sempre meno doloroso.
Perché la gente pensa sempre che siano le mogli a lasciare i mariti? A volte è il contrario. Nel mio caso è stato più semplice, perché non sono mai stata sposata. Mi sposerò una volta sola, come i miei genitori.

Adesso l’attrice francese è di nuovo innamorata: il fortunato è Lorenzo Distante, un assistente di produzioni cinematografiche della provincia di Brindisi. Della loro storia dice:
Sto benissimo, sono felice… Qualcuno poteva pensare che sarei rimasta da sola tutta la vita?
Alla domanda come mai le francesi piacciono così tanto agli italiani, la Casta risponde:
Lei non ha capito niente. Sono gli italiani che piacciono alle francesi. Ci affascinano talmente che, alla fine, sono costretti a ricambiare.

di Eliana Avolio